Venerdì, 23 Luglio 2021
Politica

Sanità, Vendola assolto: "Ora comincio a pensare alle primarie"

Il governatore in conferenza stampa dopo la sentenza di assoluzione dall'accusa di abuso di ufficio: "Mi vergognavo del processo". E sulle primarie: "Io come Davide contro due Golia"

"Chi mi conosce lo sa: l'argomento del processo era un argomento importante per me e un po' mi vergognavo perché l'idea di poter essere confuso con un qualunque Fiorito mi dava molto dolore". Commenta così la sentenza di assoluzione dall'accusa di abuso di ufficio il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola.

"MI E' STATA RESTITUITA GIUSTIZIA" - Subito dopo la conclusione del processo con rito abbreviato davanti al gup del Tribunale di Bari Susanna De Felice, Vendola ha convocato una conferenza stampa in Regione per commentare l'esito della vicenda giudiziaria. Provato, emozionato, ma allo stesso tempo felice e sollevato, Vendola ha ringraziato quanti lo hanno sostenuto in questi mesi di attesa per il processo, sostenendo di aver sempre avuto fiducia nella giustizia. "Oggi - ha commentato - mi è stata restituita quell'innocenza che era già scritta nel mio cuore e che oggi è scritta nella sentenza di un giudice. Penso tuttavia di aver fatto bene ad annunciare, a fronte all'eventualità di una condanna, l'uscita di scena perché credo che sia durato troppo a lungo il conflitto virulento tra politica e giustizia. Credo che chi abita i palazzi del potere deve esercitare, come dice la Costituzione, con onore le proprie funzioni".

"ORA LA CAVACATA PER LE PRIMARIE" - Dalla sentenza di assoluzione il discorso del governatore è poi rapidamente passato alla sua candidatura alle primarie del centrosinistra: "Ora penso di cominciare la cavalcata delle primarie", ha detto Vendola, "Finora sono stato frenato", il quale ha riconosciuto di avere "uno svantaggio perché i miei competitor hanno cominciato da molto tempo e si dedicano a tempo pieno alle primarie". "Cercherò di trasformare lo svantaggio in un vantaggio ha detto poi il governatore - in fondo nella mia vita precedente sono sempre stato come Davide contro Golia e ora ho due Golia contro cui, o meglio con cui, vivere la sfida delle primarie. Spero che anche questa volta vinca Davide".

SPESA COMUNITARIA: OBIETTIVO RAGGIUNTO E SUPERATO -  Nel corso della conferenza stampa Vendola ha anche affrontato la questione della spesa comunitaria, dicendosi felice non solo per la sentenza di assoluzione ma anche perchè la Puglia ha "abbondantemente superato il target della spesa comunitaria". "La sentenza più importante - ha detto Vendola - è quella del raggiungimento degli obiettivi di spesa comunitaria perché quello che è accaduto è straordinario. Avevano come target di spesa 267 milioni di euro da spendere dall'inizio dell'anno fino al 31 di ottobre (per la Campania 122 mln, per la Calabria 136 mln, per la Sicilia 169). Ad oggi noi presentiamo un rendiconto di 480 mln di euro spesi, il 76% in più dell'obiettivo che ci era indicato dal target concordato con il ministro Fabrizio Barca". "Abbiamo speso molto di più - ha spiegato - di tutti gli obiettivi sommati delle altre regioni meridionali dell'obiettivo convergenza. Ad oggi abbiamo certificato un miliardo 670milioni, che è pari al 35% dell'ammontare complessivo della spesa comunitaria. Questo dato indica che noi stiamo non solo correndo ma mettendo in sicurezza la spesa comunitaria per il target di dicembre e del maggio prossimo. Questi obiettivi li raggiungiamo perché utilizziamo un articolo di legge che ci permette lo sforamento controllato del patto di stabilità". "Poiché - ha concluso - è stato detto che lo facevo per liberare ora alcune centinaia di milioni di euro di spesa per aprire cantieri, disinteressandomi a quello che sarebbe accaduto nel 2013, vorrei dire che con questa scelta stiamo mettendo in sicurezza il target di maggio 2013".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Vendola assolto: "Ora comincio a pensare alle primarie"

BariToday è in caricamento