"Video antiabortista durante la lezione di religione": Denuncia del M5S, scoppia il caso in un liceo di Monopoli

I parlamentari Veronica Giannone e Luigi Gallo hanno presentato un'interrogazione al ministro Bussetti. Sarebbe stata organizzata anche una lezione sull'interruzione di gravidanza

Un video contro l'aborto con scene cruente e vietate ai minori proiettato durante la lezione di religione. È quanto sarebbe accaduto in un liceo di Monopoli, secondo l'accusa mossa dai due deputati pentastellati Veronica Giannone e Luigi Gallo. A proiettare il documentario 'L'urlo silenzioso' sarebbe stato il docente di Religione cattolica del polo liceale Galileo Galilei, presentando a una delle prime classi la pellicola del 1984 con scene esplicite di aborti, accompagnate da termini come 'bambino dilaniato' o 'bambino smembrato', tanto da essere stato vietato ai minori.

Un episodio per il quale i due pentastellati hanno presentato un'interrogazione parlamentare al ministro dell'Istruzione Bussetti. E, secondo quanto raccontano, non sarebbe un caso isolato: pochi giorni prima, il 4 dicembre, sarebbe stata invitata l'associazione 'Movimento per la vita' a parlare di interruzione di gravidanza, usando anche frasi 'forti' come "La pratica dell'aborto prevede che si estraggano pezzi di gambe e braccia di bambini già formati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • La dea bendata bacia anche Rutigliano: sbancato il gratta e vinci, fortunato si aggiudica 2 milioni di euro

  • Tenta di attraversare con le sbarre in chiusura, auto resta bloccata al passaggio a livello

  • "Da qui non esci vivo", imprenditore vittima d'estorsione legato e minacciato per una denuncia: arrestato 'U can'

Torna su
BariToday è in caricamento