Politica

Adp, i soci chiedono risarcimento a Di Paola: "Restituisca i soldi spesi per la security"

Ieri il sì alla delibera: i soci il rimborso delle spese sostenute per il servizio di sorveglianza personale e della sua abitazione nel periodo in cui Di Paola era alla guida di Aeroporti di Puglia

L'assemblea dei soci di Aeroporti di Puglia presenta 'il conto' all'ex manager Mimmo Di Paola. Ieri i soci di Adp hanno deciso di chiedere a Di Paola, attualmente candidato sindaco sostenuto dal centrodestra, il risarcimento delle spese sostenute dal 2006 al 2013 - periodo in cui Di Paola era alla guida di Adp - per garantire il servizio di security a lui e alla sua abitazione.

Voto favorevole alla delibera è stato espresso da Regione, Comune di Bari, Provincia di Foggia, Camera di commercio di Taranto. Contraria invece la Provincia di Bari. La somma per la quale i soci hanno chiesto il rimborso si aggira intorno al mezzo milione (576mila euro, per la precisione) e riguarda appunto il contratto per il servizio di vigilanza garantito all'ex amministratore unico, che tuttavia non sarebbe mai stato sottoposto al voto dell'assemblea dei soci.

A gennaio la questione è stata anche al centro di un'accesa polemica tra il sindaco Emiliano e Mimmo Di Paola, che di recente ha citato per danni il primo cittadino, chiedendo un risarcimento per le sue affermazioni ritenute "ingiustificate e lesive dell'onore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adp, i soci chiedono risarcimento a Di Paola: "Restituisca i soldi spesi per la security"

BariToday è in caricamento