menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prove d'intesa tra M5S e centrosinistra per una maggioranza giallorossa in Regione, Laricchia non ci sta: "Offesa per i pugliesi"

E' il messaggio dell'ex candidata pentastellata alla Presidenza della Regione Puglia dopo l'incontro di oggi "tra parlamentari, consiglieri regionali ed europarlamentari del M5S, per capire se accettare la proposta di Emiliano di entrare in maggioranza con lui" 

"Le parole pronunciate nella campagna elettorale sono impegni presi con i cittadini e quando si cambia idea ci si scioglie da questi, dimettendosi e tornando al voto, esponendo l'idea diversa. Entrare in maggioranza per il M5S non si tratterebbe neppure di impegno di responsabilità per dare un Governo alla Regione: a Emiliano basta firmare le nomine, forte del premio di maggioranza": è il messaggio dell'ex candidata pentastellata alla Presidenza della Regione Puglia, Antonella Laricchia, dopo l'incontro di oggi "tra parlamentari, consiglieri regionali ed europarlamentari del MoVimento 5 Stelle, per capire se accettare la proposta di Michele Emiliano di entrare in maggioranza con lui". 

Laricchia sottolinea che non è chiaro se la proposta avanza ai pentastellati nasca "da Michele Emiliano, come ha detto Vito Crimi, o è voluta dal M5S nazionale, come avrebbe detto Michele Emiliano ai miei 4 colleghi qualche giorno fa e come Vito Crimi non ha potuto smentire fino in fondo, pur dichiarando che certamente non derivava da lui. Io ho chiarito come la penso: se Emiliano vuole un confronto con le opposizioni, dovrebbe incontrare anche il centrodestra e dovrebbe farlo più alla luce del sole - sottolinea -. Se invece lo scopo è quello di formare una maggioranza diversa da quella che ha vinto le elezioni, credo sarebbe un'offesa alla volontà dei cittadini pugliesi. Chi ha votato il Movimento 5 Stelle Puglia non merita di temere di aver dato fiducia o forza a Emiliano con il suo voto, mentre magari voleva invece bocciarlo, scegliendo noi - aggiunge -. Se un eletto con il M5S entrasse in maggioranza, che differenza ci sarebbe con uno dei tanti voltagabbana che abbiamo criticato nella scorsa legislatura? Non basta sentirsi migliori di loro per essere migliori di loro".

"Non ritengo giusto che le tentazioni - rimarca la riconfermata consigliera regionale -  umane e previste da chi ha creato una forza politica con regole ferree proprio per questo, di qualcuno al nostro interno debbano essere perdonate tentando di lavarsi la coscienza con il voto su Rousseau. Sarei curiosa di scoprire, se tornassimo al voto, dicendo che se vince Emiliano il M5S fa l'inciucio con lui, quanti di noi 5 Stelle sarebbero rieletti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento