menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bari, la carica dei 101 medici in campo per i vaccini anti-covid. La Asl fissa l'obiettivo: "20mila dosi al giorno"

Nel distretto unico di Bari sono 17 le postazioni a disposizione per 101 medici. Il direttore generale della Asl di Bari, Antonio Sanguedolce, ha commentato l’intesa consolidata con la medicina territoriale

 “Siamo ad un punto di svolta della campagna vaccinale grazie alla stretta interazione raggiunta con i medici di Medicina generale che insieme agli operatori Asl daranno una spinta decisiva al piano vaccini: l’obiettivo nelle prossime settimane è arrivare a 20mila somministrazioni al giorno”. Così il direttore generale della Asl di Bari, Antonio Sanguedolce, ha commentato l’intesa consolidata con la medicina territoriale, durante il webinar che si è tenuto oggi con il presidente della Regione Michele Emiliano e l’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco, e i referenti dei distretti socio sanitari.

Con i medici di assistenza primaria sono stati fissati gli step principali per portare avanti il piano vaccini senza interruzioni ed estendere sempre di più le somministrazioni alle categorie previste. Come concordato durante l’incontro virtuale, tutte le vaccinazioni destinate agli over 80 sia a domicilio che nel proprio studio saranno completate dai medici di medicina generale, sulla base degli elenchi dei soggetti vaccinati che sarà la stessa Asl a fornire per facilitare le procedure.

Una volta terminate domani le ultime consegne di vaccino Moderna – sono in totale 9.823 le dosi consegnate ai medici che hanno scelto di vaccinare presso i propri studi medici e/o a domicilio- si parte già tra sabato e domenica nei centri vaccinali della maggior parte dei distretti con le prime somministrazioni di Pfizer ai soggetti fragili e agli ultraottantenni anche a cura dei medici che hanno scelto le sedi aziendali come punti vaccino.

Nel distretto unico di Bari sono 17 le postazioni a disposizione per 101 medici, di cui 13 nel Centro vaccinale di Japigia, organizzate in tre fasce orarie di tre ore ciascuna sia il sabato sia la domenica e 4 in via Fani sempre a disposizione in tre fasce orarie, sabato e domenica. In ognuna delle due giornate sono quindi attive 51 postazioni (39 più 14), per un totale di 102.

A partire da 19 aprile, in via Fani si potrà vaccinare tutti i pomeriggi dalle 13 alle 19: 4 medici ogni pomeriggio (due per due fasce orarie). Un’attività organizzativa che è in continuo sviluppo per potenziare sedi, postazioni, giorni e orari.

In più, per i medici che hanno la necessità di vaccinare a domicilio i propri assistiti, il distretto ha organizzato la consegna di siringhe pre-riempite.

In riferimento alla segnalazione della FIMMG sulla “impossibilità” a prenotare i test molecolari da parte dei medici di Medicina generale, la Asl di Bari precisa che ildipartimento di prevenzione in accordo con la Protezione civile è già intervenuto per potenziare la capacità di erogare tamponi molecolari in tutte le attuali sedi presenti sul territorio, dedicati esclusivamente ai medici di Medicina generale. Da lunedì 12 aprile si passerà da 6mila a 15mila disponibilità di tamponi, grazie ad una estensione degli orari delle postazioni attualmente attive solo la mattina che saranno operative anche di pomeriggio e con un rafforzamento del personale nelle postazioni che già sono attive tutto il giorno.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento