Accordo Bari-Iran sull'asse della ricerca immunologica: siglato il protocollo tra Giovanni Paolo II e Centro ricerche di Tabriz

Il memorandum di collaborazione ha l'obiettivo di "favorire lo scambio di ricercatori e professori - spiegano dall'Istituto - realizzare programmi di scambio, sviluppare programmi comuni di ricerca, promuovere progetti di ricerca, organizzare conferenze, seminari e congressi, scambiarsi materiali e documenti di studio"

Accordo Iran-Bari sull'asse della ricerca immunologica. Hanno siglato negli scorsi giorni un memorandum d'intesa l'Irccs (Istituto tumori di Bari) e il Centro ricerca di Immunologia di Tabriz, secondo per rilevanza scientifica in Iran, finalizzato allo scambio di ricercatori e allo sviluppo di programmi di ricerca congiunti. Un accordo frutto di un percorso di collaborazione avviato già da tempo dal professor Nicola Silvestris dell'Irccs barese e l'Irc, Immunology Research Center dell'Università di Scienze Mediche di Tabriz: l'obiettivo è "favorire lo scambio di ricercatori e professori - spiegano dall'Istituto - realizzare programmi di scambio, sviluppare programmi comuni di ricerca, promuovere progetti di ricerca, organizzare conferenze, seminari e congressi, scambiarsi materiali e documenti di studio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei prossimi quattro anni, i due istituti si impegneranno ad accogliere professori e ricercatori in visita e a condividere i risultati delle ricerche realizzate con il reciproco contributo, con l'obiettivo ultimo di porre le basi per nuove e rilevanti prospettive per la ricerca medica. A firmare l'accordo di collaborazione sono stati Antonio Delvino, Angelo Paradiso - rispettivamente direttore generale e direttore scientifico dell'istituto tumori di Bari - Mohammad Samiei e Behzad Baradan - omologhi iraniani -. "La collaborazione internazionale – ricorda Antonio Delvino – porta lustro al nostro istituto consentendoci di sviluppare in maniera sinergica le linee di ricerca attualmente presenti nel nostro Istituto dedicate alla valutazione traslazionale degli aspetti immunologici delle neoplasie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Incidente sulla Statale 16, moto urta tir e finisce sull'asfalto: centauro travolto da auto e ferito

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

  • La lite condominiale finisce a colpi di coltello: donna ferita alle braccia

Torna su
BariToday è in caricamento