Bari arma in più nella lotta ad Alzheimer, Sla e tumori: ricercatori sviluppano software per studiare le alterazioni genetiche

La nuova metodologia elaborata dal dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica permetterà di approfondire lo studio di un processo denominato 'Rna editing', le cui anomalie giocano un ruolo nello sviluppo di alcune patologie

Un software per esplorare più a fondo i meccanismi di formazione del corredo genetico delle cellule, ed in particolare quel processo fisiologico denominato 'Rna editing',  la cui alterazione è associata a molte patologie umane come il morbo di Alzheimer o la sclerosi laterale amiotrofica o diverse malattie immunologiche ed i tumori.

A sviluppare la nuova metodologia bioinformatica sono stati i ricercatori del gruppo di Bioinformatica del Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica dell’Università di Bari e dell’IBIOM-CNR di Bari, diretti dal Prof. Graziano Pesole, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Protocols.

Che cosa è il processo del 'Rna editing'

Ogni organismo vivente e cellula che lo compone ha un determinato corredo genetico conservato nella molecola del DNA. L’identità e la funzione di ogni cellula dipende dal corredo di geni che essa “esprime” attraverso il processo noto come trascrizione, nel quale il messaggio genetico racchiuso nei geni è convertito in molecole di RNA affinché ci possa essere una risposta effettrice a livello cellulare. Da un punto di vista intuitivo, possiamo immaginare il DNA come un libro in cui sono riportate tutte le direttive per le funzioni cellulari ed i geni come i paragrafi del libro che descrivono le singole direttive. Per mettere in atto le direttive, queste devono essere copiate su di un foglio e trasmesse per una corretta attuazione. Se la direttiva contiene degli errori, questi si ripercuoteranno sulla funzione cellulare. Il processo di copia delle direttive è definito trascrizione, mentre il foglio che veicola la copia è denominato RNA. Alcuni anni fa, i ricercatori hanno scoperto che gli RNA (i fogli con le copie delle direttive) potevano subire un processo di “correzione”, conosciuto con il nome di RNA editing, in modo da “adattare” il messaggio genetico (la direttiva) alle specifiche necessità cellulari. In pratica, prima che le direttive divengano effettive, alcune parole sono modificate in modo irreversibile. Questo processo di “correzione” è molto specifico ed una sua alterazione può comportare l’insorgenza di malattie.

L'obiettivo del nuovo protocollo computazionale

In questo contesto, i ricercatori baresi hanno sviluppato un software per identificare in modo accurato e non ambiguo tutte le possibili modifiche di “editing” a carico degli RNA cellulari. Il protocollo di analisi implementato nel software darà la possibilità di studiare in modo più puntuale la relazione tra le modifiche a carico dell’RNA, conosciute anche con il termine di epitrascrittomica, e l’insorgenza di malattie, facilitando la progettazione di nuovi farmaci secondo i canoni della medicina di precisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Violenta rissa a Bari, volano calci e pugni in strada: arrestati studente universitario e due trentenni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • Donna trovata morta in casa a Bari: l'allarme lanciato dai parenti, era deceduta da un mese

Torna su
BariToday è in caricamento