menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La mammografia passa al 3D: negli ospedali baresi nuovi macchinari per screening al seno più rapidi e precisi

I dispositivi consentiranno un rinnovamento e potenziamento del parco macchine in ambito senologico, con il completo passaggio all’innovativa tecnologia digitale e 3D

E' in fase di installazione all'ospedale San Paolo di Bari il primo dei 12 nuovi mammografi acquistati dalla locale Asl. I dispositivi consentiranno un rinnovamento e potenziamento del parco macchine in ambito senologico, con il completo passaggio all’innovativa tecnologia digitale e 3D.

Il piano prevede l’assegnazione a tutti i centri di Senologia ambulatoriali e ospedalieri che partecipano al programma di screening organizzato, previsto dai Lea - livelli essenziale di assistenza. Gran parte dei macchinari sarà posizionato tra marzo ed aprile su tutto il territorio di competenza della Asl.

La funzionalità della mammografia 3D integrata fornisce un quadro estremamente nitido e dettagliato per il rilevamento e la diagnosi del carcinoma mammario con una vista in tre dimensioni ottenuta impiegando la stessa dose dell'acquisizione 2D standard. All'ospedale San Paolo, sede della Breast Unit, vi saranno due mammografi nuovi che si aggiungeranno a quello già in uso, in 3D.

A completamento vi sarà anche un modulo con Biopsia in tomosintesi. Gli strumenti consentiranno l'esecuzione delle biopsie mammarie in 3D, con una precisione millimetrica, riuscendo così a fare diagnosi certa anche di lesioni piccolissime.

Nell'Asl di Bari, in particolare all'ospedale 'Di Venere' di Carbonara, sarà realizzato anche il centro Screening della Breast Unit, a coordinamento di vari centri periferici con la lettura degli esami mammografici e degli approfondimenti diagnostici, grazie all'utilizzo di due nuovi mammografi  con tecnologia 3D

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento