La 'Casa della Salute' è realtà: poliambulatori specialistici e nove studi di medici di famiglia in un'unica struttura

La nuova struttura inaugurata questa mattina: oltre agli studi dei medici di famiglia, nel presidio è prevista anche l'attivazione di ambulatori specialistici

La casa della Salute

Gli studi di nove medici di famiglia riuniti in una sola struttura, un unico presidio sanitario al servizio dei cittadini: anche Castellana ha la sua 'Casa della Salute'. Attiva già dal primo novembre, la nuova struttura è stata inaugurata ufficialmente oggi.

I servizi attivi in corso di attivazione

I lavori per l'attivazione del nuovo presidio sono stati eseguiti dalla Asl di Bari. Al piano rialzato sono collocati uffici amministrativi cup/ticket ed ufficio anagrafe; uffici di igiene pubblica e ufficio vaccinazioni; servizio di riabilitazione territoriale; ambulatorio neuro-psichiatria infantile; servizio di emergenza urgenza 118; continuità assistenziale. Al primo piano trovano invece spazio i nove studi medici di medicina generale con annesse sale di attesa e ambulatori infermieristici propri, anche le attività distrettuali di cure domiciliari integrate (ADI) e destinate alla popolazione fragile e cronica. "Per completare l’offerta – ha specificato oggi il dg della Asl di Bari, Antonio Sanguedolce – ci saranno altre 48 ore di poliambulatorio specialistico, la cui previsione di ore è stata già pubblicata dalla ASL di Bari in data 30 settembre e le cui domande di attribuzione sono in istruttoria presso gli uffici competenti. Tra gli altri servizi da attivare vorrei segnalare il Punto di ascolto del Consultorio Familiare per rispondere alle problematiche psico-sociali e ostetrico-ginecologiche del bacino di utenza".

Emiliano: "Un presidio territoriale importante"

"Oggi è una giornata molto importante per Castellana Grotte, ma soprattutto per la salute dei suoi cittadini. Abbiamo infatti inaugurato la Casa della Salute, una sperimentazione attiva dal 1 novembre di quest’anno che ha visto 9 studi di medicina generale mettersi insieme, in un’unica Casa della Salute. È un modello da seguire per noi perché, in questo modo, si va incontro al lavoro dei pronto soccorso, alleggerendolo di molto. Spesso infatti si usa il pronto soccorso dell’ospedale come se fosse un medico di famiglia, e invece non solo si finisce per aspettare molte ore perché in quel luogo ci sono altre emergenze, ma soprattutto si rischia di intralciare il lavoro per le urgenze e le emergenze”. “La Casa della Salute – ha continuato Emiliano – non è solo la Casa dei medici di famiglia, ma è anche un vero e proprio presidio territoriale con una serie di ambulatori importanti, centri di riabilitazione anche di natura neurologica, quindi di grande profilo. E poi la Casa della Salute è anche sede di un importante progetto di ricerca dell’IRCCS Saverio de Bellis sullo “Stato Di Salute Nella Popolazione Pugliese”. Uno studio che, attraverso un ambulatorio e un laboratorio collocati nella Casa della Salute, e partendo dall'esame dei pazienti più anziani, cerca di comprendere qual è il rapporto tra malattia e stato sociale. Una ricerca – ha concluso il Presidente -  molto importante che la Regione Puglia sta sostenendo con propri finanziamenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La collaborazione tra Casa della Salute e Irccs di Castellana

Nella Casa dell salute sono stati collocati l’ambulatorio e il laboratorio per lo “Studio Dello Stato Di Salute Nella Popolazione Pugliese”. L’ ASL di Bari e l’IRCCS “Saverio de Bellis” hanno deciso di creare sinergie per affrontare insieme i riflessi di carattere sanitari derivanti dall'invecchiamento della popolazione attivando percorsi condivisi per la gestione periferica del paziente fragile. In questo quadro, il Laboratorio di valutazione delle fragilità e delle multi-morbidità dell'anziano dell’IRCCS “de Bellis”, gestito congiuntamente da personale ad alto profilo clinico-scientifico e tecnologico, ha già definito un albero sostanziale dei processi clinico-diagnostici e preventivi del percorso diagnostico terapeutico assistenziale - PDTA - “Prevenzione della fragilità dell’anziano”. A dette attività sono stati assegnati ambienti dedicati della Casa della Salute di Castellana Grotte al fine di realizzare visite specialistiche, prelievi e attrezzature diagnostiche destinate allo studio dell’invecchiamento della popolazione anziana over 65 per analisi sugli stili di vita, sui processi neurodegenerativi ed il rischio di caduta.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 2000 euro a 60mila pugliesi: 'Start' dalla Regione a partite iva, lavoratori autonomi e professionisti a basso reddito

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Al ristorante e in auto, stop al distanziamento per congiunti e 'frequentatori abituali': la Regione allenta le restrizioni

  • Violento scontro tra moto e suv: grave centauro, trasportato in codice rosso al Policlinico

  • Parcheggiare a Bari: le aree di sosta vicine al centro, mappa e tariffe

  • Due monopattini del servizio sharing rubati e recuperati dalla polizia: uno rintracciato in tempo reale grazie al segnale gps

Torna su
BariToday è in caricamento