Sabato, 25 Settembre 2021
Salute

Più guariti e meno pazienti in terapia intensiva in Puglia, il 'lavandino' dei contagiati nel Barese è intasato

Secondo quanto riporta il Gimbe, nella settimana 20-26 gennaio, la Regione Puglia ha registrato un incremento percentuale dei casi totali di contagio da Sar-CoV-2 del 6,2%; nelle ultime 2 settimane si rileva un'incidenza di 348 casi positivi per 100mila abitanti.

Sono già 13mila i pugliesi che hanno ricevuto la seconda dose di vaccino Pfizer, quindi immunizzati al Covid-19, tra medici, infermieri, oss e ospiti di Rsa ed rssa delle sei province. Nel complesso sono invece 83560 i vaccini somministrati.

In Puglia gli ospedalizzati sono 1567 (il 3% degli attualmente positivi) di cui 173 si trovano nei reparti di terapia intensiva (un decremento del 4.9% rispetto a ieri). 50781 in isolamento domiciliare. I guariti sono 64424 mentre i decessi 3126

Secondo quanto riporta il Gimbe, nella settimana 20-26 gennaio, la Regione Puglia ha registrato un incremento percentuale dei casi totali di contagio da Sar-CoV-2 del 6,2%; nelle ultime 2 settimane si rileva un'incidenza di 348 casi positivi per 100mila abitanti.

Per quanto riguarda l'incremento assoluto dei casi di Covid-19, il grafico del Gimbe illustra i nuovi casi giornalieri di infezione da Coronavirus in Puglia dall'inizio dell'epidemia. 

Per quanto riguarda la relazione tra incidenza per 100mila abitanti e l'incremento in percentuale dei casi, l'altro grafico illustra il posizionamento delle Province pugliesi (Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto) in relazione alle medie regionali di incidenza per 100mila abitanti delle ultime 2 settimane (12 - 26 gennaio) e dell'incremento percentuale dei casi (19 - 26 gennaio). 

La fondazione spiega che l’asse orizzontale indica i nuovi casi (incidenza) per 100mila abitanti nelle ultime 2 settimane. Questo valore permette di stimare quanti casi, in un determinato periodo, sono positivi e potrebbero quindi trasmettere il contagio. L’asse verticale rappresenta l’incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana. Questo valore indica la velocità di crescita dei nuovi casi.

Pensando all’immagine di un lavandino, l’asse orizzontale indica quanto la vasca del lavandino è piena d’acqua (stima di tutti i casi positivi in un determinato momento) mentre l’asse verticale indica quanto velocemente sta uscendo acqua dal rubinetto.

Nel riquadro verde, quindi, si posizionano le Province della Puglia che registrano un numero di nuovi casi per 100mila abitanti nelle ultime 2 settimane e un incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana inferiori alla media regionale mentre, viceversa, le province del riquadro rosso contano un numero di nuovi casi per 100mila abitanti nelle ultime 2 settimane e un incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana superiori alla media regionale.

Il riquadro giallo raggruppa, invece, le province che hanno valori superiori alla media regionale per nuovi casi per 100mila abitanti nelle ultime due settimane (quindi che, verosimilmente, hanno la vasca del lavandino più piena) ma un più basso incremento percentuale (l’acqua esce dal rubinetto meno velocemente della media regionale).

Nel riquadro arancione, invece, la vasca è meno piena (i casi positivi in quel momento sono meno rispetto alla media regionale) ma il rubinetto pompa più forte e la vasca ha una velocità di riempimento più alta (l’incremento percentuale dei casi è superiore alla media regionale, con il rischio di strabordare nel riquadro rosso).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più guariti e meno pazienti in terapia intensiva in Puglia, il 'lavandino' dei contagiati nel Barese è intasato

BariToday è in caricamento