rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Salute

L'Istituto Tumori di Bari pronto a potenziare l'attività chirurgica: attivati nuovi posti letto

In tutto cinque quelli inaugurati oggi: tre sono al servizio della Terapia Intensiva Post-Operatoria, altri due sono a disposizione per i pazienti interessati al trapianto cellulare

Sono in tutto cinque i nuovi posti letto che saranno inaugurati oggi all’Istituto Tumori di Bari, Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. L’implementazione dei posti letto, in corso nell'istituto, rientra nel piano di riorganizzazione della rete ospedaliera nazionale previsto del cosiddetto ‘Decreto Rilancio’, e gli interventi sono stati coordinati dalla Regione Puglia.

Tre posti letto sono a servizio della TIPO, la terapia intensiva post-operatoria, che passa così da 4 a 7 posti letto, nella prospettiva di un ampliamento dell’attività chirurgica dell’Istituto. La terapia intensiva è stata dotata di nuove apparecchiature tra cui monitor multiparametrici, tre ventilatori polmonari, tre umidificatori, una frigoemoteca, nove pompe a siringa, tre rack di alimentazione per pompe di infusione.

Gli altri due posti letto di terapia sub-intensiva, invece, saranno a disposizione dell’unità operativa di ematologia, per i pazienti interessati al trapianto cellulare. Si tratta di un ulteriore passo verso l’ampliamento dell’unità trapianti che sarà dotata di 7 posti letto, con 4 stanze a pressione positiva per i trapianti allogenici e tre stanze a bassa carica batterica per il trapianto autologo e le Car-T. L’intero reparto sarà autonomo rispetto all’attuale reparto di degenza di ematologia. Un sistema di videosorveglianza garantirà un contatto in tempo reale fra i degenti e il personale sanitario.

Sul fronte delle attrezzature in dotazione all'ente, si aggiunge un telecomandato digitale di diagnostica radiologica, ovvero una macchina per radiografie che esamina il paziente in posizione eretta, supina e in tutte le posizioni intermedie. Il nuovo apparecchio è a disposizione di tutti i reparti dell’istituto oncologico pugliese, con una stima di circa 15 mila esami l’anno. Attivo anche un tomografo computerizzato a 128 slices (o strati) che consente, grazie alla velocità di esecuzione ‘a spirale’, di usare basse dosi di radiazioni ma di avere immagini diagnostiche più dettagliate. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Istituto Tumori di Bari pronto a potenziare l'attività chirurgica: attivati nuovi posti letto

BariToday è in caricamento