Nuove tecniche e competenze avanzate, l'Ortopedia del Perinei punta a diventare 'polo' regionale: un giovane primario alla guida del reparto

Il dottor Claudio Mori, 42 anni, da metà gennaio ha assunto la direzione del reparto: alle spalle una carriera che conta circa 3mila interventi e una vasta esperienza nella chirurgia del piede e della caviglia

Il dottor Claudio Mori

Un nuovo primario, una squadra di otto medici, 13 infermieri e 3 ausiliari (con altri 7 Oss in arrivo dal maxi-concorso regionale): sono i numeri del reparto di Ortopedia dell'Ospedale della Murgia 'Perinei' di Altamura. Un reparto che punta sempre più a diventare "polo di riferimento" per il territorio.

A guidarlo, da metà gennaio, c'è il dottor Claudio Mori, 42 anni (un'età decisamente sotto media rispetto al panorama dei primari). Laureato in Medicina e Chirurgia e specializzato al Policlinico di Bari, Mori si è formato - tra gli altri - all’Ospedale di Pietra Ligure, Centro di riferimento europeo per la chirurgia protesica dell’anca e del ginocchio e all’Hospital Clinic di Barcellona, dove ha conseguito un master in traumatologia; ha lavorato per dieci anni in clinica ortopedica al Policlinico di Bari, dove grazie alla guida del prof. Biagio Moretti, ha messo assieme anche una corposa produzione scientifica e congressuale. Il nuovo direttore di ortopedia ha al suo attivo circa 3mila interventi chirurgici, tra cui interventi di artroprotesi e revisione di artroprotesi, fissazione esterna complessa per trattamento di fratture ma anche di deformità congenite e interventi di allungamento degli arti, oltre ad aver accumulato una vasta esperienza nella chirurgia del piede e della caviglia. Mori, infatti, è uno dei pochi ortopedici in Puglia ad eseguire frequentemente interventi di chirurgia protesica della caviglia.

“Ho trovato un ospedale all’avanguardia – spiega Mori -  nuovo e in grado di raggiungere degli standard molto elevati per soddisfare i bisogni di salute della comunità murgiana e, ritengo, con una prospettiva più ampia, in cui rientra l’obiettivo di ridurre i viaggi della speranza dei pugliesi. Qui ad Altamura siamo oggi in grado di offrire interventi in elezione, nuove tecniche e anche di coprire il settore delicato dei traumi, non ultima la casistica che investe la popolazione anziana. L’Ospedale – aggiunge - ha bisogno di arricchirsi ulteriormente di figure professionali e l’esempio dell’Ortopedia, da questo punto di vista, può rappresentare un segnale molto importante per costruire un clima di fiducia con l’utenza”. E anche per attirare nuove leve di medici, così come nelle intenzioni della Direzione Strategica che ha varato diversi concorsi per primari e dirigenti medici proprio per potenziare la realtà ospedaliera del “Perinei”, che ha tutte le carte in regola per diventare un polo di riferimento. “Dalle competenze e dall’organizzazione – conclude il nuovo direttore -  parte una nuova sfida che con la mia équipe siamo pronti a cogliere, valorizzando le esperienze e la volontà di crescere professionalmente di tutto il team di lavoro”. Un reparto che ora può cominciare davvero a “correre”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento