rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Salute

La clinica oculistica del Policlinico si rifà il look, avanti con i lavori: nuovi ambulatori, tre sale operatorie e spazi per la didattica

Dopo lo stop forzato per l'emergenza Covid il cantiere è ripartito a inizio maggio: la conclusione prevista per settembre: "Assistenza più rapida e più interventi"

Il padiglione di oculistica del Policlinico si rifà il look. Dovrebbero concludersi entro settembre i lavori la rifunzionalizzazione della clinica: sospesi per l'emergenza Covid, sono ripartiti a inizio maggio, nel rispetto dei protocolli di sicurezza anti-contagio.

“La profonda trasformazione degli spazi della clinica oculistica, con percorsi di accesso distinti e più sale operatorie, ci consentirà di incrementare sia l'attività chirurgica che le prestazioni ambulatoriali, abbattendo i tempi di attesa per i pazienti”, spiega il direttore generale del Policlinico, Giovanni Migliore.

Il padiglione di oculistica si articola su cinque livelli. Al piano interrato c'è il pronto soccorso e 12 ambulatori; al piano rialzato il centro di ipovisione, la direzione, gli spazi per la didattica e gli spogliatoi. Al primo piano ci sono le 3 sale operatorie e i 3 ambulatori chirurgici con corridoi sterili, percorsi di uscita sporco separato, aree di sterilizzazione e un nuovo accesso attraverso l'ascensore montaletti. Le stanze di degenza sono collocate al secondo piano e gli spazi per la didattica universitaria sono al terzo piano con gli studi medici.

“Siamo ansiosi di abitare i nuovi spazi – dichiara il prof. Gianni Alessio, direttore dell'unità operativa di oftalmologia universitaria del Policlinico di Bari – Nel 2019, con due letti chirurgici e il centro per le maculopatie con l'arco sterile, abbiamo eseguito 17.000 interventi. Grazie alle nuove sale, con garanzia di sterilità degli ambienti e dei materiali, potremo assicurare un'assistenza più rapida e fare numeri a cinque cifre importanti”.

La quasi totalità delle prestazioni di oculistica viene oggi eseguita in day service. La degenerazione maculare essudativa, la cataratta e le complicanze oculari del diabete sono gli interventi più frequenti eseguiti al Policlinico di Bari. Si ricorre al ricovero per il trapianto di cornea, per alcune malattie della retina, nei casi di giudizio anestesiologico alto o severo e per i tumori.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La clinica oculistica del Policlinico si rifà il look, avanti con i lavori: nuovi ambulatori, tre sale operatorie e spazi per la didattica

BariToday è in caricamento