Interventi e cure per i pazienti oncologici si spostano in ospedali 'dedicati': accordo del Policlinico con Irccs 'Giovanni Paolo II' e 'De Bellis'

Nelle strutture sarà concentrata l’attività per i malati oncologici non Covid, per garantire più sicurezza. Un modello che la Regione intende estendere a tutta la Puglia: "Liste di attesa saranno riallineate"

L'attività chirurgica per i malati oncologici pugliesi non si ferma ma si rimodula per garantire maggiore sicurezza per i pazienti e operatori nell'emergenza Coronavirus. Grazie alla rete oncologica pugliese - fa sapere la Regione - sono al via nuovi percorsi ospedalieri per dividere in maniera ancor più marcata accessi e spazi di cura.

Come modello per la Puglia intera, da replicare su scala regionale, sono partiti una serie di accordi tra Aress, Rete oncologica regionale, Asl Bari, Policlinico di Bari e Irccs “Giovanni Paolo II” e “De Bellis”. Con questi accordi saranno le equipe chirurgiche di Asl e Policlinico a spostarsi, recandosi in quegli ospedali dove sarà concentrata l’attività per i malati oncologici non Covid, per garantire qualità di cure e sicurezza.

Si è partiti subito con la chirurgia addominale e con quella senologica, ma il tavolo di lavoro ha analizzato le necessità per proseguire con le urologie, le ginecologie, le neurochirurgie e le chirurgie toraciche.

Nella proposta ci sono anche le indicazioni di sicurezza per tutelare dal rischio infettivo i pazienti oncologici che accedono alle strutture sanitarie e le circostanze tassative che consentono di concedere accesso a prestazioni diagnostiche, ricoveri medici e chemioterapie. Questo porterà - avverte comunque la Regione à al riallineamento delle liste di attesa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima convenzione è stata siglata tra la Asl Bari, il Policlinico di Bari e l’oncologico Irccs “Giovanni Paolo II” per usare spazi e risorse dell’Oncologico per la cura di pazienti oncologici della Asl Ba e del Policlinico. La seconda convenzione è stata stipulata tra l’Irccs “De Bellis” di Castellana Grotte e il Policlinico di Bari per usare spazi e risorse dell’Irccs di Castellana per i pazienti oncologici in ambito gastroenterologico in lista di attesa al Policlinico di Bari. Già da questa settimana le pazienti di senologia saranno trattate dalla equipe di Chirurgia Senologica del San Paolo (Asl Bari), diretta dal dott. Olindo Custodero, presso l’Irccs Oncologico di Bari. Le altre discipline chirurgiche partiranno nei prossimi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparse da ieri a Bari: ritrovate le due ragazzine di 15 anni

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Scomparse due ragazzine baresi di 15 anni, l'appello: "Non abbiamo più notizie di Asia e Chiara"

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento