Salute

Prestazioni no-covid, la Puglia programma la ripartenza ma senza dimenticare la Pandemia: "Sistema sanitario ha retto urto"

Si è discusso del piano di recupero delle prestazioni sanitarie e, con il coordinatore della rete oncologica regionale, Gianmarco Surico, della piena ripresa delle attività di screening

Montanaro, Lopalco ed Emiliano

Oggi il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, l’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco e il direttore del dipartimento Salute, Vito Montanaro, hanno tenuto una riunione con i direttori generali delle aziende sanitarie, ospedaliere e Irccs pubblici e i dirigenti e tecnici del dipartimento Salute sulla ripresa dell’assistenza ospedaliera, con l’illustrazione dei contenuti della delibera di giunta approvata lunedì 24 che riporta immediatamente all’assistenza no-covid alcuni ospedali e che segna il passo per la progressiva riconversione all’attività ordinaria del resto della rete ospedaliera pur mantenendo attivo un piano di emergenza per fronteggiare un’eventuale recrudescenza della pandemia.

Sulla base delle necessità assistenziali, determinate da un significativo calo dei contagi ed una conseguente bassa percentuale di occupazione dei posti letto di terapia intensiva e area medica, di gran lunga inferiore alla soglia critica determinata dal ministero della Salute, la Giunta regionale ha stabilito la totale riconversione all’attività no-covid dell'ospedale San Paolo di Bari, della casa di cura 'Villa Lucia Hospital' di Conversano, dell'ospedale di Castellaneta e dell'ente ecclesiastico 'Miulli' di Acquaviva delle Fonti.

Insieme, si è discusso del piano di recupero delle prestazioni sanitarie e, con il coordinatore della rete oncologica regionale, Gianmarco Surico, della piena ripresa delle attività di screening. L’assessore Pier Luigi Lopalco ha infine fatto il punto sulla campagna vaccinale che prosegue come previsto.

“La riunione ha avuto carattere programmatorio – ha spiegato il direttore del dipartimento politiche della Salute Vito Montanaro – e altre saranno calendarizzate nei prossimi giorni per reimpostare le attività sanitarie no-covid e proseguire quelle covid fino al termine dell’ermergenza”.

“Un ringraziamento – hanno detto il presidente Emiliano e l’assessore Lopalco – va a tutto il sistema sanitario, come non mai stressato in questi mesi, ma che ha retto all’urto della pandemia pur in presenza di differenze strutturali con le altre regioni, come il numero di personale a parità di abitanti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prestazioni no-covid, la Puglia programma la ripartenza ma senza dimenticare la Pandemia: "Sistema sanitario ha retto urto"

BariToday è in caricamento