Salute

Covid, Puglia a 'rischio basso' per contagi, ma attenzionate le varianti: la Regione lancia il protocollo

A livello regionale l'rt è compatibile con uno 'scenario di tipo 1'. In una nota a firma dell'assessore Lopalco e del direttore del Dipartimento Salute Montanaro, vengono fornite alle Asl nuove indicazioni su come gestire i contagi

La Puglia resta classificata a "rischio basso" e con un "Rt" compatibile con lo "scenario di tipo uno". A indicarlo è la Cabina nazionale di monitoraggio Covid: confermati, quindi, a livello regionale i miglioramenti dal punto di vista epidemiologico nonostante i tre focolai di variante indiana individuati e spenti. Anche nel Barese la situazione è in netto miglioramento, con dati in netto calo per i contagi.

Proprio per impedire che le varianti possano innescare nuovi contagi la Regione, attraverso una circolare firmata dall'assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, e dal direttore di dipartimento Vito Montanaro, ha fornito alle Asl nuove indicazioni. Ad esempio, per "interrompere le catene di contagio" bisognerà identificare "precocemente i nuovi casi tra i contatti stretti mediante test molecolare a 72 ore dall'ultimo contatto con il caso indice, procedendo secondo un modello a cerchi concentrici" Non solo, le nuove misure di sicurezza prevedono che le Asl inviino ai laboratori del Policlinico di Bari e dell'Istituto Zooprofilattico di Puglia e Basilicata 60 tamponi a settimana, scelti a caso, per effettuare il sequenziamento. Dovranno essere analizzati anche i tamponi risultati positivi di persone ricoverate e completamente vaccinate. Infine, chi è venuto a contatto con una persona risultata positiva ad una variante anche se non è stata contagiata dovrà essere invitata a vaccinarsi, qualora non lo avesse già fatto. 
   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, Puglia a 'rischio basso' per contagi, ma attenzionate le varianti: la Regione lancia il protocollo

BariToday è in caricamento