Salute

Fegato grasso, uno studio Uniba per la diagnosi precoce: "La ricerca del professor Vacca pubblicata su Nature"

La prestigiosa rivista internazionale ha riportato gli esiti del lavoro scientifico coordinato dal docente della Sezione di Medicina Interna Universitaria 'Cesare Frugoni' del Policlinico di Bari

Uno studio sugli sviluppi nella ricerca di terapie e biomarker per la steatosi epatica, che ha visto coinvolto gli scienziati dell'Università di Bari, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale 'Nature Metabolism'. Il Work Package Pre-clinico del progetto è stato coordinato dal professore Antonio Vidal-Puig (Università di Cambridge), dal dottor Perfield (Eli Lilly Farmaceutici) e dal Professore Michele Vacca, di Medicina Interna, Sezione di Medicina Interna Universitaria 'Cesare Frugoni' del Policlinico d Bari. 

Il focus del Progetto Europeo Innovative Medicine Initiative 2 LITMUS,  finanziato dall’Unione Europea e da European Association of Pharma Industries con un budget totale di 47 Milioni di euro, puntava sull'identificazione di biomarker non invasivi per la Steatosi Epatica associata a Disfunzione Metabolica (MASLD), una malattia epatica associata a obesità, sindrome metabolica e diabete, e che aumenta la mortalità di queste patologie in quanto può provocare cirrosi epatica, aumentato rischio cardiovascolare e tumori (specie quelli del fegato). 

La MASLD attualmente non ha un trattamento farmacologico approvato in Italia, e il trattamento si basa prevalentemente sulla revisione degli stili di vita e sulla terapia delle malattie associate come il diabete. Questo è dovuto alla complessità della malattia (che è stata compresa solo parzialmente), ma anche alla carenza di modelli pre-clinici validati sistematicamente per studiare i meccanismi della patologia e testare potenziali terapie farmacologiche. Ciò  limita considerevolmente la capacità di traslare le informazioni della scienza di base in approcci terapeutici efficaci per i pazienti.

In uno sforzo epico di sintesi delle evidenze attualmente disponibili, il gruppo di ricerca coordinato dal professor Vacca, che include diverse istituzioni accademiche internazionali (prevalentemente europee) e varie multinazionali farmaceutiche impegnate nel trovare una cura per la MASLD, ha eseguito uno screening analitico dei dati clinici, istologici e di genomica di 3 coorti con steatosi epatica (inglese, europea, ed americana) comparando queste informazioni ai 40 modelli preclinici murini di MASLD tra quelli più utilizzati in letteratura, al fine di identificare quali modelli siano più accurati nel replicare la patologia umana, evidenziandone pro e contro, e fornendo utili informazioni su come migliorare i modelli attualmente disponibili. Questo studio ha permesso di raggiungere un consensus internazionale sui modelli pre-clinici di MASLD che abbiano la maggior possibilità di traslazione nell’uomo e accelererà la ricerca finalizzata all’identificazione di terapie e biomarker per la steatosi epatica.

Il team di ricerca del professor Michele Vacca, grazie a finanziamenti ministeriali (PNRR, PRIN PNRR) e di Associazione Italiana sul Cancro (AIRC) conduce presso l’Università di Bari ricerche cliniche e traslazionali nel campo della steatosi epatica e del tumore epatico (epatocarcinoma). Il docente è anche referente Uniba di un Accordo di Cooperazione Internazionale con il prestigioso Roger Williams Institute of Hepatology (Londra), che ha permesso di instaurare un laboratorio consorziale multinazionale con l'ateneo barese per lo studio di queste tematiche di ricerca. Il laboratorio di Londra ospita periodicamente gli studenti e dottorandi Uniba per periodi di formazione all’estero (ad esempio attraverso il programma 'Global Thesis').

Presso la Sezione di Medicina Interna Universitaria 'Cesare Frugoni' del Policlinico di Bari, il professr Vacca e il suo team clinico (che include Medici in Formazione Specialistica Uniba), esegue attività ambulatoriale e di Day Service per l’inquadramento clinico ed il trattamento della steatosi epatica e delle sue complicanze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fegato grasso, uno studio Uniba per la diagnosi precoce: "La ricerca del professor Vacca pubblicata su Nature"
BariToday è in caricamento