Giovedì, 17 Giugno 2021
Salute

Scoprire patologie progressive con un transistor microscopico: la ricerca dell'Università di Bari pubblicata su Nature

Il progetto vede protagonisti l'ateneo barese assieme a quello di Brescia e al Cnr: il dispositivo potrebbe consentire di momento esatto in cui un organismo contrae una malattia

Crediti Eleonora Macchia

Un transistor di dimensioni millimetriche per consentire di diagnosticare patologie progressive prima che i sintomi si manifestino: è il frutto di un meticoloso lavoro che ha richiesto due anni di ricerche, realizzato grazie a una collaborazione tra l'Università degli Studi di Bari, l'ateneo di Brescia e l'Istituto di Fotonica e Nanotecnologie del Cnr, assieme al Consorzio per lo sviluppo di sistemi a grande interfase. I risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale Nature. La nuova tecnologia, denominata SiMoT, acronimo per Molecola-singola con un Transistor, potrebbe consentire anche di rilevare il momento esatto in cui l'organismo da sano diventa malato: "E' una grandissima soddisfazione vedere decollare questa ricerca - spiega la professoressa Luisa Torsi di Uniba, coordinatrice del progetto. La nostra tecnologia consentirà di diagnosticare patologie progressive non solo prima che i sintomi si manifestino ma, forse, addirittura appena l’organismo produce i primi bio-marcatori specifici. Mi piace inoltre ricordare che questo lavoro è il frutto della collaborazione fra istituzioni italiane. È inoltre uno studio interdisciplinare portato a termine con finanziamenti contingentati, da chimici, fisici ed ingegneri". 

Le applicazioni dell'importante scoperta

Le dimensioni e la struttura del dispositivo ne consentiranno la produzione su larga scala e a costi contenuti, con facilità d'impiego anche furi dal laboratorio: "Questo risultato - spiega l'Università di Bari - è stato raggiunto grazie all’enorme amplificazione del segnale ottenuta integrando nel un transistor bio-elettronico un film che simula la membrana cellulare. L’intuizione è arrivata osservando che alcune cellule, attraverso la propria membrana, sono in grado di riconoscere singole proteine come i ferormoni" e quindi ogni singolo cambiamento associato a un determinato bio-marcatore. Tra le possibili applicazioni anche il controllo delle recidive, ad esempio dopo l'asportazione di un tumore, riducendo notevolmente l'uso di procedure invasive come le biopsie. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoprire patologie progressive con un transistor microscopico: la ricerca dell'Università di Bari pubblicata su Nature

BariToday è in caricamento