Rischio infettivo Covid-19 e misure di tutela della salute del personale sanitario: l'appello del sindacato Fsi-Usae

Il sindacato FSI-USAE scrive alle autorità sanitarie regionali chiedendo misure a tutela del personale sanitario. Suggerisce di sospendere le prestazioni programmate e isitutire delle zone filtro (pre triage) in tutti gli ospedali e pronto soccorso.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Di seguito il testo della lettera che il sindacato ha inviato al Presidente Emiliano, al Direttore del dipartimento Salute Vito Montanaro e ai direttori generali delle ASL e delle aziende ospedaliere della resione.

"Il rischio di contagio da Covid-19 è una realtà con la quale tutto il personale sanitario della regione si sta confrontando negli ultimi giorni. Non giovano le notizie allarmistiche fatte girare sui social media (WhatsApp e Facebook) da parte di gente scriteriata e, nonostante tutto, va riconosciuto che sia gli operatori che la popolazione stanno dimostrando una grande maturità. Vi sono, purtroppo, difficoltà oggettive nel reperimento di alcuni dispositivi di protezione individuali (DPI), quali le mascherine FFP2 e FFP3, tute ed altri presidi specifici per il contenimento del rischio biologico, difficoltà che si spera possano presto essere superate. Tuttavia, corre l’obbligo da parte della scrivente di sollecitare le SS.VV. ad adottare ogni misura atta ad evitare o ridurre i rischi per i lavoratori (D.Lgs. 81/2008 - Art. 75. I DPI devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro.). È di fondamentale importanza salvaguardare la salute del personale sanitario (medico, infermieristico, tecnico, riabilitativo e della prevenzione) e non (OSS, ausiliari specializzati, soccorritori ed autisti del 118, amministrativi del front office), evitando che possa finire in quarantena per una cattiva gestione, in questa fase dell’emergenza, della prevenzione del rischio di contagio. Quanto sopra è necessario per evitare che, nella malaugurata ipotesi che in Puglia l’infezione raggiunga le proporzioni delle regioni del nord, le strutture sanitarie si ritrovino senza personale sufficiente per fronteggiare l’emergenza. Tantissimi operatori segnalano, oltre lo scarso approvvigionamento di DPI, la mancanza di un filtro adeguato all’accesso di utenti e visitatori alle strutture sanitarie, quali i pronto soccorso ed i reparti di degenza ospedalieri. In molti servizi ambulatoriali, notoriamente molto affollati, l’attività continua come se non vi fosse alcun rischio di contagio. In questi casi non è sufficiente chiedere alle strutture e al personale di scaglionare l’accesso degli utenti per fasce di orario (si vedano alcune circolari aziendali), poiché molto spesso non vi sono gli spazi, o il personale sufficiente, o non vi è la necessaria e ragionevole collaborazione da parte degli stessi utenti. Sarebbe, quindi, il caso di pensare ad una soluzione più drastica e in linea con i provvedimenti che il governo centrale sta adottando. Ci vengono segnalati anche casi in cui qualche dirigente, minimizzando la situazione e interpretando liberamente i contenuti delle circolari, si sente in diritto di rimproverare i propri collaboratori che chiedono, giustamente, il rispetto delle norme sulla sicurezza. I dipendenti del Servizio Sanitario Regionale sono pronti a mettere il massimo impegno, ed in alcuni casi lo stanno già facendo, ma è necessario che gli organi di governo facciano sentire tutta la loro presenza operando scelte oculate, univoche, efficaci. Rimanendo a disposizione, con spirito di fattiva collaborazione, per ogni costruttivo confronto, si inviano distinti saluti."

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento