Tamponi in Puglia, l'epidemiologo Lopalco risponde a Zullo: "Non sarà negato a chi torna a lavorare ed è a rischio"

La replica del capo della task force regionale sul Covid al consigliere regionale di Fratelli d'Italia, dichiaratosi "preoccupato per la forte propensione della Regione a centellinare i tamponi"

"Il tampone non verrà negato dunque a nessun pugliese che ritornerà al lavoro nelle prossime settimane e presenterà uno specifico profilo di rischio". Risponde al consigliere regionale Ignazio Zullo (Fratelli d'Italia), il responsabile del coordinamento epidemiologico della Regione Puglia Pier Luigi Lopalco, tracciando un'analisi di quella che è stata e che sarà la strategia per i dispositivi di rilevamento del Covid-19 in Puglia. La polemica era partita nel pomeriggio, quando Zullo si era definito preoccupato "per la forte propensione della Regione a centellinare i tamponi - spiegava in una nota - e se non farli dovesse colpire il nostro sistema produttivo, ormai in fase di riavvio, rischieremmo di trasformare i luoghi di lavoro in luoghi di contagio così come avvenuto per gli ospedali e per le Rsa-Rssa". La richiesta era quindi di eseguire il tampone su "chiunque torni al lavoro", altrimenti "la probabilità del ritorno alla Fase Uno è molto probabile".

Lopalco: "Non abbiamo centellinato i tamponi. Un solo focolaio in azienda"

In serata l'epidemiologo ha replicato, spiegando che la strategia pugliese per la Fase 2 della lotta al Coronavirus prevede che "i rischi specifici delle singole attività produttive, incluse le attività sanitarie, siano valutati insieme al livello di circolazione del virus sul territorio - ha spiegato - e quindi saranno messe a punto strategie specifiche per scovare eventuali catene di contagio nascoste fra asintomatici in una fase molto iniziale". Riguardo invece alla Fase 1, Lopalco ha specificato che non è stato centellinato nessun tampone, infatti "la strategia di utilizzo dei tamponi in Puglia è stata identica a quella di regioni come il Veneto che sono prese ad esempio come standard ottimo di controllo dell'epidemia - ha aggiunto - Ovviamente il numero assoluto di tamponi eseguiti Puglia risultano inferiori a quelli del Veneto perché il numero di casi e di catene di contagio delle due regioni non è paragonabile". I numeri in Puglia, parlano di 12 focolai nelle Rsa-Rssa e 6 focolai in tutta la rete ospedaliera. "Fra le centinaia di aziende che hanno in questa prima fase continuato la loro attività produttiva solo in una si è sviluppato un focolaio (il caso dello stabilimento Siciliani di Palo del Colle, ndr) prontamente individuato e spento: degli operai coinvolti in questa azienda tutti i casi sono stati asintomatici o con sintomi lievi e con nemmeno un caso ricoverato in ospedale". "Le attività di monitoraggio e controllo hanno portato alla individuazione di oltre 26.000 cittadini pugliesi che hanno ricevuto un'ordinanza di isolamento fiduciario a casa, in pratica più di 6 ogni 1.000 pugliesi" ha concluso Lopalco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il numero dei ritornati in Puglia

E mentre la strategia per la Fase 2 del Covid in Puglia prosegue, un altro dato che la Regione tiene fortemente sotto controllo è quello dei rientri da fuori Regione. L'ultimo aggiornamento è arrivato con il bollettino serale: alle ore 19 sono stati in totale 3567 le persone che hanno compilato il modulo di autosegnalazione on-line per dichiarare di essere rientrate in Puglia da fuori regione per soggiornarvi. Il dato è in continuo aggiornamento. Nella sola giornata di oggi si sono autosegnalate 937 persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento