Cure palliative con cannabis terapeutica e gestione del dolore: boom di prenotazioni per il nuovo Ambulatorio di Terlizzi

Già 100 pazienti in 2 settimane e posti esauriti fino al mese di giugno: la struttura è dedicata a specifiche prestazioni e terapie antalgiche per pazienti oncologici, persone con dolore cronico, e con sintomatologia dolorosa dovuta agli effetti della chemioterapia, o a malattie neurologiche

Già 100 pazienti in 2 settimane e prenotazioni esaurite fino al mese di giugno: è boom di presenze per l'Ambulatorio di Cure Palliative e Terapia del Dolore nell’ospedale di Terlizzi attivato pochi giorni fa, che fornisce anche visite, prescrizioni di cannabis terapeutica e terapie infiltrative. Si tratta del primo Ambulatorio avviato dall'Asl di Bari, parte di una rete dedicata alla gestione del dolore. L'utenza, proviene, in particolare, oltre che da Terlizzi, anche da Molfetta, Giovinazzo, Ruvo, Corato, province pugliesi e altre regioni. 

Non solo terapie, ma anche 25 prestazioni a domicilio: la struttura è dedicata a specifiche prestazioni e terapie antalgiche per pazienti oncologici, persone con dolore cronico, e con sintomatologia dolorosa dovuta agli effetti della chemioterapia, o a malattie neurologiche come SLA, Sclerosi Multipla, Parkinson e Malattie rare del bambino. Nelle prime settimane di attività sono state numerose le prescrizioni di cannabis per uso terapeutico, rese possibili dalla legge regionale che consente a medici di base e specialisti di prescrivere farmaci a base di questa erba per alleviare il dolore.  L’ambulatorio garantisce la gestione del dolore indipendentemente dalla sua causa, dove operano un anestesista rianimatore dedicato all’attività di terapia antalgica, supportato da una procedura organizzativa che garantisce la presenza di un infermiere esperto durante lo svolgimento dell’attività invasiva maggiore.

“I pazienti arrivano da tutta la Puglia e non solo – spiega il responsabile dell’Ambulatorio, il dottor Felice Spaccavento – abbiamo prenotazioni anche da regioni vicine come il Molise e la Calabria e prevediamo che saranno trattati in media 1000 persone in questo primo anno. I numeri sono indicativi di un bisogno urgente e diffuso – continua il dottor Spaccavento - da parte dell’utenza che finora in questa area non aveva un centro di riferimento ambulatoriale per le cure palliative ”. La steuttura è aperta il mercoledì pomeriggio e il venerdì' mattina: l'alto numero di prenotazioni vedrà un incremento del servizio, con una giornata dedicata, con accesso tramite prenotazione Cup

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Incidente mortale nella notte a Japigia: 20enne sbalzato dalla moto muore sul colpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento