rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Salute

Le Usca non saranno smantellate con la fine dell'emergenza Covid: "Mantenute in situazioni di rilevanza epidemiologica"

Le parole dell'assessore alla Sanità, Rocco Palese, che ha comunicato la decisione alle Asl su tutto il territorio. Spostato in avanti di due mesi il termine previsto dalla legge

Non saranno smantellate le Usca sul territorio pugliese, che potranno essere mantenute dalle Asl per fronteggiare eventuali focolai sul territorio. A comunicarlo è l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Rocco Palese: Le unità mediche che visitano a domicilio i malati saranno attivate dalle Asl "in considerazione delle specifiche situazioni epidemiologiche rilevate sul territorio" spiega.

Il sistema infatti non sarà smantellato però solo "dove ci sono difficoltà particolari attestate dalle direzioni Asl", che andranno comunicate al Dipartimento promozione della Salute regionale. La Regione ha già provveduto a informare della decisione le Asl con una lettera, nella quale si può leggere come “Ad ogni buon conto, il termine del 30.4.2022, potrà essere derogato fino al 30.6.2022, in coerenza con la L. n. 234/2021, in presenza di situazioni epidemiologiche territoriali, debitamente documentate, tali da giustificare il mantenimento in proroga delle USCA, previa autorizzazione di questo Dipartimento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le Usca non saranno smantellate con la fine dell'emergenza Covid: "Mantenute in situazioni di rilevanza epidemiologica"

BariToday è in caricamento