Università di Bari "virtuosa", "dal Ministero più fondi per il 2018"

Cresce la quota del Fondo di Finanziamento Ordinario 2018 assegnata all'Ateneo barese: "Premiate le politiche messe in atto"

Cresce il Fondo di Finanziamento ordinario assegnato per il 2018 dal Miur all'Univesità di Bari. Le risorse destinate dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, rende noto lo stesso Ateneo, in tre anni è cresciuto "di circa 9 mln di € passando dai 176,9 mln € (FFO 2016), a 183,3 mln di  € (FFO 2017), a 185,8 mln di € (FFO 2018), facendo registrare solo nell’ultimo anno, un incremento di ben 2,5 milioni di euro (+1,35%)", "senza considerare - aggiungono da Uniba - l’ulteriore quota di circa 3 milioni di euro, che il Ministero assegnerà in corso d’anno a favore della misura post lauream".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Uniba virtuosa"

L'incremento dei fondi, spiegano dall'Università barese "è dovuto in particolare - è spiegato in una nota - al miglioramento registrato nelle politiche di reclutamento e nell’autonomia responsabile, che hanno determinato una maggiore assegnazione rispettivamente di euro 1,2 milioni e 1,1 milioni. Bene anche la quota premiale nel suo complesso, che ha fatto registrare, rispetto all’anno 2017, un incremento di ben 4,5 milioni, confermando l’impegno dell’Ateneo al continuo miglioramento della propria produzione scientifica nel panorama italiano ed internazionale". "Molto positiva - sottolineano ancora da Uniba - anche la quota relativa alla no tax area, che ha visto crescere l’assegnazione da euro 2,4 milioni di euro del 2017 a 4,1 milioni del 2018. Tale ultimo risultato premia la lungimiranza dell’Ateneo che, nell’approvare il Regolamento sulla contribuzione studentesca per l’anno accademico 2018/2019, ha previsto il totale esonero dal pagamento delle tasse universitarie per fasce di ISEE fino a 18 mila euro, ben oltre il tetto prescritto dalla normativa nazionale, pari a 13 mila euro. Nella consapevolezza delle difficoltà delle famiglie dei propri studenti e nonostante il minor gettito contributivo (circa 4 milioni), l'Università di Bari ha così inteso salvaguardare la possibilità di assicurare la frequenza dei corsi di laurea. Ben 13 mila studenti possono oggi frequentare l’Ateneo barese gratuitamente, concorrendo all’incremento della quota di FFO correlata al costo standard. E’ stata una bella scommessa, che oggi vede premiato l’Ateneo barese". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento