L'imponente Abbazia di San Vito, che si erge affacciata sul mare, tra leggende e assedi

Nella frazione di San Vito, sulla costa nord del paese di Polignano a Mare, in provincia di bari troviamo l' Abbazia dei Benedettini

©Angela Potenza

Tutti conosciamo Polignano a Mare splendida località in provincia di Bari e le sue bellezze naturalistiche come le sue grotte marine e il suo meraviglioso centro storico con i resti della dominazione romana. Ma è nella frazione di San Vito, sulla costa nord del paese, che si erge l’attrazione principale.

Stiamo parlando dell’ imponente Abbazia dei Benedettini, affacciata sul mare a ridosso di un grazioso porticciolo di pescatori . Un' antica leggenda racconta di una nobildonna di Salerno salvata da un annegamento da San Vito che le avrebbe chiesto di far traslare il suo corpo nel castrum polymnianense in Puglia. Le reliquie sante resero prospero il luogo sacro e fu cosi fondata intorno al X secolo l’abbazia, grazie ad una comunità di monaci basiliani in seguito poi succeduti da  benedettini. L'abbazia è stata soggetta a diverse dominazioni e in seguito i monaci francescani la resero meta di pellegrinaggi. Nel XIX secolo gli ordini monastici abbandonarono il monastero e l'Abbazia fu inglobata nel palazzo marchesale dei Tavassi-La Greca del feudatario di Polignano, il barone Pasquale La Greca, insignito nel 1798 del titolo di marchese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'architettura monastica del complesso di San Vito è si respira in ogni angolo della struttura. L'abbazia elegante e allo stesso tempo maestosa è l'insieme di aggiunte architettoniche effettuate nei secoli: eleganti forme barocche e scenografica scalinata esterna che dalla corte conduce al loggiato con affaccio sul mare. La sovrapposizione di edifici lo si può vedere dalla presenza dei diversi stili: la chiesa romanica costruita sulle rovine dell'antica torre romana e alterata a sua volta dalla sovrapposizione di una costruzione impiegata come sede del convento. La chiesa a tre navate con tre cupole in asse e con volte a botte nelle navate laterali sono di forte impatto visivo. I segni di un sistema difensivo contro le incursioni da parte dei pirati sono oggi ancora ben visibili dal mare grazie alla presenza della torre costiera, del cinto murato e all’interno, della torre masseria del XVI secolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

Torna su
BariToday è in caricamento