rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
social

Ragazzi speciali impiegati nel reparto di gastronomia: da Corato il progetto per favorire l’inclusione di lavoratori con neuro-diversità

Un gruppo di ragazzi con neuro-diversità svolgerà alcune giornate lavorative regolarmente retribuite nel reparto di Gastronomia dell’Interspar di Corato. Per il secondo anno prende forma un progetto finalizzato a favorire l’inclusione di lavoratori speciali

Parte dall’Interspar di Corato una nuova iniziativa di inclusione sociale dedicata ad un gruppo di ragazzi con disabilità dello spettro autistico ad alto funzionamento.

Despar Centro-Sud e la Cooperativa WorkAut (lavoro e autismo) rafforzano la propria collaborazione nell’ambito del progetto “Buono e Solidale”, già avviato con successo lo scorso anno, dando vita ad un percorso pensato e progettato per favorire l’inclusione di lavoratori con neuro-diversità che svolgeranno, all’interno dei supermercati della rete, regolari giornate lavorative e quindi retribuite.

Il primo appuntamento, intitolato “Colleghiamoci”, è partito quest’oggi a Corato, in occasione della Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’Autismo (che ricorre il 2 aprile).

Alcuni ragazzi affiancheranno il personale Despar all’interno del reparto di gastronomia: qui saranno impegnati in attività di food packaging (mediante l’apposizione del bollino “Buono e Solidale” su una selezione di prodotti speciali in promozione), offriranno supporto al servizio take-away, forniranno attività di assistenza al personale e di promozione alla clientela informandola su tutte le caratteristiche del pane fresco, prodotto e sfornato ogni giorno all’interno di un laboratorio dedicato. Le giornate lavorative proseguiranno anche il 4 e il 6 aprile.

1648800489239-2

Tutte le attività in programma sono state pensate attraverso la stesura di un apposito mansionario elaborato dagli esperti del reparto di Gastronomia al quale, parallelamente, è stato affiancato un percorso formativo propedeutico alle giornate di lavoro.

« “Colleghiamoci” è un progetto che genera entusiasmo perché consente ad alcuni operatori della cooperativa WorkAut – Lavoro e autismo, di acquisire preziosissime esperienze nel mondo del lavoro, superando i limiti diagnosticati per sognare e realizzare le migliori prospettive di vita futura.

Questa iniziativa, attivata proprio nel mese di aprile, è ancora più funzionale ed efficace   per una reale sensibilizzazione ed informazione sulla condizione delle persone affette da autismo. - Dichiara la Presidentessa della Coop. Soc. WorkAut, Stefania Grimaldi -  Siamo davvero grati a

Despar Centro Sud, che ancora una volta sta offrendo agli operatori WorkAut questa importante opportunità professionale ed inclusiva, che è davvero "Buona e Solidale"». 

Il percorso “Colleghiamoci” prevederà ulteriori momenti durante l’anno che offriranno ai ragazzi con neurodiversità nuove e diversificate attività lavorative in diversi reparti dei supermercati (come l’ortofrutta, la salumeria ecc.) finalizzati a far conoscere e sperimentare sul campo tutte le mansioni degli addetti.

«Abbiamo deciso di rafforzare la e esperienza utile avviata nel 2021 con la Cooperativa WorkAut – spiega Pippo Cannillo , Presidente e Amministratore Delegato di Despar Centro-Sud – perché consapevoli dell'importanza di offrire concrete di inclusione per i ragazzi con neurodiversità, opportunità positive spesso privati ??di opportunità. Riteniamo che questo percorso di avviamento professionale potrà concretamente ad un loro ingresso nel mondo del lavoro e allo stesso tempo migliorare la loro vita e quella delle loro famiglie».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzi speciali impiegati nel reparto di gastronomia: da Corato il progetto per favorire l’inclusione di lavoratori con neuro-diversità

BariToday è in caricamento