menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
©Pixabay

©Pixabay

Significato e origine del 'Black Friday'

Il giorno dello shopping sfrenato che ha origini americane ma che si è diffuso in tutto il mondo

Oggi la parola 'Black Friday' è diventata di uso comune e tutti sanno che parliamo di sconti e di offerte soprattutto online.

Dove ha origine origine questa "ricorrenza"? E perché si fa riferimento al colore nero?

E' il venerdì che cade ogni anno l'indomani del giorno del Ringraziamento (la festa che si celebra il quarto giovedì di novembre negli Usa e in Canada) ed è la data in cui, secondo una tradizione che si è consolidata negli anni Sessanta, i negozianti americani propongono sconti speciali per incentivare lo shopping e dare il via alle spese natalizie. Quest'anno la data è prevista per venerdì 27 Novembre 2020.

Entrato di prepotenza anche nel nostro Paese, il Black Friday è ormai diventato un appuntamento fisso per lo shopping, con grandi catene, siti di e-commerce e anche venditori più piccoli che propongono offerte a tempo, sconti mai visti e veri e propri regali per spingere i consumatori ad aumentare il loro volume di acquisti. Una "tradizione" spesso discussa, da molti criticata, come sempre importata dagli Stati Uniti, ma capace di vivere un seguito sempre maggiore, diventando anche da noi il primo vero giorno di shopping natalizio.

Black Friday 2020: approfitta delle offerte, fino al 30 novembre sconti su tutte le categorie

Perchè si dice 'nero'

Sono diverse le teoria che aleggiano intorno a questo giorno di shopping violento.

Una di queste vuole che il colore sia attribuito al fatto che all'epoca i registri contabili dei negozianti si compilavano a penna, usando inchiostro rosso per i conti in perdita e quello nero per i conti in attivo. E nel venerdì dopo il ringraziamento, grazie a queste promozioni, i conti finivano decisamente in nero.

Secondo un’altra tesi, l'origine del nome è meno poetica; il nero sarebbe causato dal traffico sulle strade e dalla congestione nei negozi, provocata da migliaia di americani attirati da sconti, validi soltanto quel giorno, anche dell'80 per cento. 

La prima volta che se ne parlò, sembra essere stato nel 1961 quando a Philadelphia il venerdì dopo il Ringraziamento fu davvero trafficato. In un documento dell'epoca il termine veniva utilizzato per sottolineare la pratica di molti dipendenti di dichiararsi malati il giorno dopo il Ringraziamento con l'obiettivo di portarsi a casa ben quattro giorni consecutivi di ferie. Un weekend lungo che iniziava dall'ultimo giovedì di novembre per finire con la domenica successiva, una pacchia per tutti i lavoratori. Il termine è diventato di uso comune solo a partire dagli anni 60, di pari passo con l'aumento di questa usanza per il consumatore americano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
BariToday è in caricamento