menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
©foto di repertorio

©foto di repertorio

Casamassima, ricca di storia e luogo ideale degli antichi signori dove trascorrere giorni di relax

Un tempo antico accampamento romano, oggi una incantevole città a pochi chilometri da Bari

Casamassima sorge a pochi chilometri oltre i confini cittadini della città metropolitana di Bari, solitamente riconosciuta come polo commerciale del territorio.

Origini

Le sue origini risalgono all’epoca latina e la leggenda narra di come Fabio Massimo detto il Temporeggiatore, durante le Guerre Puniche, vi creò un accampamento, da cui “accampamento di Massimo”, “Castrum Maximi” al nome della città.

Il Paese Azzurro

Ricca di storia e da sempre luogo dove gli antichi signori dei territori vicini trascorrevano i loro giorni di relax, rimane a testimonianza degli antichi fasti il castello presente nel centro storico di Casamassima. Per il colore tipico delle abitazioni del posto era anche riconosciuta come il Paese Azzurro.

Casamassima, la meravigliosa città azzurra della Puglia

Torre dell'orologio

Una delle porte d’ingresso del centro storico della città è riconoscibile grazie alla grande Torre dell’Orologio, affacciata sulla piazza principale, piazza Aldo Moro. Il più imponente edificio storico sito nel centro cittadino è il monastero di Santa Chiara, fondato nel 1573 da Antonio Acquaviva d’Aragona e nel tempo divenuta anche carcere, scuola, cine-teatro e abitazione. Appartenente a una delle antiche famiglie benestanti della città, i De Bellis, il complesso delle Monacelle è un altro edificio dall’importantissimo valore storico che col tempo è divenuto dapprima orfanotrofio, poi conservatorio musicale, caserma dei Carabinieri, ed è attualmente adibito a biblioteca.

Cimitero militare polacco

Un luogo dal fascino particolare è il cimitero militare polacco di Casamassima, visibile dalla SS 100 Bari – Taranto e che custodisce le tombe dei 429 soldati polacchi caduti nei combattimenti lungo la Linea Gustav sul fiume Sangro, o deceduti nell’ospedale militare di Casamassima e in altri ospedali di Bari e di Napoli a seguito delle ferite riportate in diverse battaglie della campagna d’Italia. Un dettaglio unico nel suo genere è come le tombe ortodosse, ebraiche e musulmane si trovino insieme a quelle cattoliche, a riprova del fatto che tra i soldati del 2° Corpo le differenze di religione non avevano importanza. A custodire il posto, al centro, sorge l’altare della Madonna della Porta dell’Aurora di Vilnius.

Patroni della città

Casamassima ha trovato un florido sviluppo grazie all’arte del commercio, infatti sorgono sul posto alcuni tra i maggiori centri commerciali del territorio. Verso l’ultimo fine settimana di luglio è possibile partecipare alle celebrazioni della Madonna del Carmine, uno dei due patroni cittadini, insieme a San Rocco, a sua volta festeggiato la seconda domenica di settembre. In quelle circostanze le strade si colorano ed è possibile godere di grandi giornate di festa e divertimenti.

(Fonte Puglia.com)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento