Sabato, 18 Settembre 2021
social

Piccoli orti in affitto per chi vuole autoprodurre e mangiare bio: a Monopoli i terreni abbandonati si trasformano in campi agricoli

Autoprodurre il cibo per sé e la famiglia in un terreno abbandonato grazie alla disponibilità di piccoli orti in affitto. È il progetto lanciato dai fratelli Marasciulo, monopolitani, che hanno riportato in vita terreni di famiglia abbandonati nelle campagne di Monopoli

©Foto Facebook ColtiviAmo la salute

Un'associazione dove l'unico interesse è quello mangiare prodotti bio: è questa la nuova sfida dei fratelli Marasciulo, monopolitani, che hanno ridato nuova vita ad alcuni terreni di contrada Mozzo a Monopoli. I fratelli già specializzati nella produzione e vendita di attrezzature agricole assieme alle rispettive famiglie, hanno sentito l'esigenza di mangiare sano e di quanto fosse importante produrre cibo per il proprio benessere: è nata così l'idea di utilizzare i terreni di famiglia da anni abbandonati!

''L'idea è semplice e non è nuova! - dice Saverio Marasciulo - I terreni del nonno che per anni hanno sfamato figli e nipoti, verranno divisi in tanti piccoli pezzetti di terreno che verrano dati in "affitto"! Col passaparola e grazie a facebook la cosa sta dilagando! Con Saverio perlustriamo i campi a bordo del suo fuoristrada, e mentre ci racconta i suoi progetti, il suo cellulare squilla spesso! Ad interessarsi sono in molti, soprattutto i forestieri, spesso professionisti e pensionati baresi che vogliono evadere dalla città e rifugiarsi in campagna, ma anche gente della zona! Piantare e raccogliere o anche solo raccogliere sarà facilissimo quando qualcun altro ha fatto il lavoro duro al posto tuo''.

Piantare e raccogliere, è possibile fare entrambe le cose?

''Le opzioni sono due - dice Saverio: la prima è quella di affittarsi un pezzo di terreno, pronto per essere coltivato, di varie metrature, e gestirlo in autonomia, la seconda è quella di fittarsi un pezzo di terreno già coltivato, dove quando il raccolto sarà pronto, bisognerà solo andare a raccogliere! Ci saranno due tutor espertissimi del settore: Graziano Tinelli (altamurano ma monopolitano di adozione, agronomo specializzato nella produzione di farine qualità Senatore Cappelli, pasta con la medesima farina e legumi biologici) che terrà dei seminari e curerà la parte teorica.

Il secondo tutor è Peppino Rivizzigno (storico commerciante monopolitano di piantine da orto e fertilizzanti, grandissimo esperto del settore, ormai pensionato) che curerà la parte pratica!''.

Il motore di tutto è senz'altro Maria, compagna di Saverio, che muove gli scacchi di questa gestione perfettamente organizzata! Il costo di questi servizi è davvero irrisorio, ma Saverio spiega che vuole essere un trampolino di lancio verso altri obiettivi. Le ambizioni di Saverio e famiglia sono grandi. Una volta che si consoliderà un cospicuo numero di associati, vuole realizzare un forno per fare pane e taralli artigianali, vuole allevare galline per avere uova fresche ogni mattina, in estate fare la salsa, insomma tante iniziative per mangiare sano.

Intanto il cellulare di Saverio continua a squillare, anche grazie alla campagna pubblicitaria promossa su facebook. Alcuni si interessano per stare all'aria aperta e divertirsi un pó, altri perchè i prezzi della verdura sono alle stelle, molti per mangiare sano, ma c'è anche chi ci chiede di associarsi per avere la scusa di uscire di casa per un eventuale nuovo lookdown.

Pochi i lotti di terra ancora disponibili. Informazioni utili sulla loro pagina fb.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piccoli orti in affitto per chi vuole autoprodurre e mangiare bio: a Monopoli i terreni abbandonati si trasformano in campi agricoli

BariToday è in caricamento