menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il mare e lo storico Palazzo Martinelli di Monopoli diventano la cornice al videoclip di due artisti baresi

'People Need People', è il nome del nuovo album, un’esperienza collettiva sapientemente diretta da Nicola Conte e Gianluca Petrella che vede la partecipazione di numerosi artisti provenienti da diverse parti del mondo

Percorsi artistici che si sono incontrati e poi hanno continuato a intrecciarsi nel tempo percorrendo la stessa via. È così che a 20 anni dal loro ultimo lavoro insieme, New Standards (2001), Nicola Conte e Gianluca Petrella hanno dato vita ad un nuovo album insieme: “People Need People”, in uscita il 26 febbraio per Schema Records. Registrato tra Milano, Bari e Lecce, per realizzare questo lavoro i due artisti baresi hanno lavorato intensamente fianco a fianco per tre anni.

Un assaggio per chi non riesce ad aspettare la fine del mese lo si potrà gustare dal 19 febbraio sul canale www.youtube.com/user/schemarecords, con la messa online ufficiale del videoclip della title track creata in featuring con Davide Shorty, e la cantautrice salentina Carolina Bubbico. Realizzato dalla casa di produzione cinematografica barese Oz Film, il video è stato girato a Monopoli, sotto la direzione del regista Massimo Ruggiero, con la scenografia curata da Valentina Iacovelli, e la video Art di Paolo Notaristefano. Il mare e lo storico Palazzo Martinelli di Monopoli fanno da cornice al video ispirato al cinema sperimentale legato all'arte contemporanea italiana di fine anni Sessanta e primi anni Settanta. Tanto che nel corso della visione si intuiscono in modo chiaro e nitido i riferimenti alle opere di Mario Schifano, Carmelo Bene e Pino Pascali.

“L’idea alla base di questo disco è una idea politica nel senso più alto del termine, legata ad un pensiero filosofico umanistico che è secondo noi di un’importanza straordinaria per definire il progresso di questa società - spiegano Conte e Petrella -. “People need people” è nato mentre provavamo, è stata un’intuizione e subito dopo si è rivelato il motivo musicale. Ci serviva anche una frase semplice che potesse entrare subito nell’immaginario collettivo e fosse un manifesto del nostro pensiero”.

E la copertina del libro “L'uomo a una dimensione” di Herbert Marcuse che compare in un frame del videoclip fa da indizio e da richiamo all'idea filosofica alla base di questo progetto. “L’esistenzialismo francese ci suggeriva l’idea dell’uomo come elemento centrale. Noi oggi viviamo in una società consumistica, in cui si sente la mancanza di un dialogo alternativo che possa porre il pensiero al di là di certi schemi consolidati”, aggiungono i due artisti.

Lo scambio tra i due musicisti/produttori avviene non solo sulla scrittura, dunque, ma anche nella ricerca: rarità viniliche, l’attività di diggin’, l’utilizzo di samples, i suoni e gli strumenti rigorosamente vintage consegnano un prodotto capace di comunicare l’entusiasmo della ‘club culture’ alla conquista di un mercato in grado di sollecitare nuovi interessi nelle scene nu-soul/jazz. Dalla Detroit future dance, all’afrobeat e spiritual jazz attraverso un sound nu-disco, il vibe unico di “People Need People” ci trascina alla ricerca di una musica profonda in un contesto spirituale e mantrico. In un momento storico particolare Nicola Conte e Gianluca Petrella lanciano un messaggio di speranza, di aggregazione e di Universal Love. Attraverso la poesia di Raashan si condivide un sentimento di elevazione e solidarietà, qualcosa che può prevedere venti di cambiamento per l'umanità, un sentimento che scorre da un amore superiore.

“People Need People” è qualcosa di più di un semplice nuovo album, è un’esperienza collettiva sapientemente diretta da Nicola e Gianluca che vede la partecipazione di numerosi artisti provenienti da diverse parti del mondo: Raashan Ahmad (USA), Nududuzo Makatini (Sudafrica), Magnus Lindgren (Svezia), Debo Ray (USA), Bridgette Amofah (Ghana/Inghilterra), Abdissa Assefa (Ethiopia/Finlandia), Teppo Makynen (Finlandia), insieme ai giovani astri nascenti italiani Davide Shorty, Carolina Bubbico, Tommaso Cappellato, Seby Burgio, Marco Rubegni, Pasquale Calò, e ai già noti Pasquale Mirra e Simone Padovani. “People Need People” è il frutto maturo di un lavoro di ricerca e di scambio, inarrestabile e in costante evoluzione, che ha saputo abbattere ogni possibile distanza durante la lunga e complessa gestazione. I brani già presenti nei precedenti EP sono stati inoltre ulteriormente rivisti, rielaborati ed espansi, con l’aggiunta di ulteriori sei nuove tracce.

Volgendo uno sguardo al passato, e recuperando da esso suoni, ritmiche e strumentazioni tipici delle tradizioni tribali / africane, del soul / spiritual jazz e della musica cosmica, Nicola e Gianluca hanno eseguito un’operazione di forte contaminazione con sonorità elettroniche moderne, con la disco, e l’hip-hop, creando un ibrido completamente originale. Il loro obiettivo è accompagnare l’ascoltatore attraverso un percorso di elevazione spirituale collettiva, guidati dall’unico vero linguaggio universale: la musica. In un periodo storico segnato da contrasti, incomunicabilità e forzato distanziamento sociale, “People Need People” si rivela ancor più essenziale e indispensabile.

Il progetto è realizzato nell’ambito della programmazione Puglia Sounds Record 2020/21- Regione Puglia FSC 2014/2020 Patto per la Puglia – Investiamo nel vostro futuro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento