rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
social

Fiorello racconta a Sanremo del suo militare a Bari: "Mi presentai in caserma così come venivo dal villaggio"

Il mattatore siciliano ricorda l'estate del'82 tra mondiali e militare a Bari


"Comunque andrà sarà un Sanremo indimenticabile, e io e Ama improvviseremo": sono le parole di Fiorello che irrompe in sala, durante la conferenza stampa a Sanremo, ed è subito show. Fa memoria dei tempi passati, quando era a Bari per i tre mesi di militare prima che lo trasferissero a Pordenone. 
"Era l’estate del '82 - dice - e lavoravo in un villaggio turistico proprio in Puglia, l’estate magica dei Mondiali di calcio appena vinti in Spagna dalla nazionale del mitico “Pablito” Paolo Rossi".

E poi continua raccontando della chiamata al servizio militare: "Una sera mia madre mi telefonò dicendomi che era arrivata la cartolina precetto. Dovevo presentarmi al 48esimo Reggimento Ferrara, a Bari". E' la cittadella militare di via Alberotanza, meglio nota come "Casermette".
E ancora lo showman racconta, con la sua verve da grande intrattenitore, cosa successe dopo: “Mi presentai in caserma così come venivo dal villaggio, capelli lunghi e maglietta con la scritta Miami Beach. L’ufficiale che ci inquadrava mi notò subito in mezzo agli altri. Con tono perentorio ordinò al caporale: 'Portalo dal barbiere!'”. 

Ed è proprio con quella chioma che Fiorello si fece notare negli anni '90, quando cantava nelle piazze più famose d'Italia conducendo la trasmissione Karaoke. Da lì in poi un grande successo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiorello racconta a Sanremo del suo militare a Bari: "Mi presentai in caserma così come venivo dal villaggio"

BariToday è in caricamento