rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
social

Amore, passione e morte impressi nei volti dei 'Misteri' del Venerdì santo: a Ceglie del Campo l'affascinante processione serale con 58 simulacri

Una lenta e silenziosa processione che si snoda tra le vie di Ceglie del Campo fino a mezzanotte

Dopo  due anni di stop dovuti all'emergenza sanitaria per il Covid 19 torna finalmente l’antichissima e lunghissima processione dei Misteri di Ceglie del Campo (oggi quartiere di Bari) composta da 58 simulacri.

Le splendidi immagini raffiguranti la passione di Gesù Cristo e della Madre Addolorata, dopo due lunghi e travagliati anni di pandemia, ed oggi tra venti minacciosi di guerra, attraverseranno le strade di Ceglie del Campo portando la speranza e l'augurio perchè si possa raggiungere presto la pace.

A molti fedeli quest’anno farà un certo effetto vedere alcune statue adagiate sui carrelli piuttosto che portate a spalla: i proprietari delle statue si sono ritrovati in difficoltà per la mancanza di volontari a causa del Covid. Tuttavia il Comitato Feste Patronali di Ceglie del Campo, organizzatore dell’evento, non ha avuto nessuna esitazione nel proseguire nei preparativi della processione nel pieno rispetto delle restrizioni anti-covid, proprio per dare continuità ad una delle più sentite ed antiche tradizioni religiose della provincia.

La prima processione dei Misteri a Ceglie del Campo, ebbe inizio nel 1880 quando alcune famiglie del luogo, Paolo Tucci/Angela Mininni e Scavo Giuseppe, in segno di profonda devozione, commissionarono a cartapestai di Lecce i Simulacri della Flagellazione di Gesù detto "Gesù alla Colonna" e il "Tradimento di Giuda"; in seguito altre famiglie, per devozione e per ricordare il sacrificio di Gesù per salvare l'umanità dal peccato, fecero realizzare nel corso degli anni altri simulacri che tutti oggi conosciamo come "Misteri", ugualmente da cartapestai leccesi e di Bari. Gli ultimi due simulacri si aggiungeranno alla processione di quest’anno e raffigurano “GESU’ MIRACOLA IL SERVO MALCO” della Famiglia PETRUZZELLI Domenico e “GESU’ CONDOTTO DA PILATO (1° Interrogatorio) della famiglia DE CARO Antonio, portando a 58 il numero totale dei simulacri presenti a Ceglie del Campo. La loro dimensione, tutti a grandezza umana e le varie scene rappresentate aiutano i fedeli a rivivere e ricordare le ultime ore del Signore Gesù Cristo: amore, passione e morte sono impresse nei volti delle immagini che compongono il "Mistero".

Di questi 58 simulacri, l'Addolorata, il Cristo Morto ed il Calvario (Confraternita del SS. Sacramento) appartengono alla Parrocchia, tutte le altre sono di proprietà di privati che li custodiscono e li conservano nelle proprie abitazioni come presenza spirituale di Gesù che guida e benedice la casa di chi lo possiede. I privati quindi il venerdì Santo provvedono a proprie spese sia all'addobbo floreale che all'accompagnamento musicale.

Il percorso della processione

La processione dei Misteri si svolge con la seguente modalità. Venerdì 15 aprile 2022 verso le ore 17.00 ognuno dei proprietari porta il proprio Mistero in piazza Santa Maria del Campo. Alle successive ore 19.30 il suggestivo incontro dell’Addolorata con il Gesù  morto, subito dopo parte la processione che percorrerà via Municipio, via Di Venere, via S. Angelo, piazza Vittorio Emanuele II, via Vittorio Veneto, via Rubini, via Umberto I, via Municipio concludendosi, a piazza Santa Maria del Campo a mezzanotte circa o poco più tardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amore, passione e morte impressi nei volti dei 'Misteri' del Venerdì santo: a Ceglie del Campo l'affascinante processione serale con 58 simulacri

BariToday è in caricamento