rotate-mobile
social

Pericolo 'squalo toro' nelle acque pugliesi, dobbiamo preoccuparci?

Lo squalo toro, una delle specie più grosse presente nei mari italiani

Una bellissima giornata in kayak poteva trasformarsi in una tragedia: è di qualche mese fa la notizia dell'aggressione da parte uno squalo Toro lungo tre metri, ad un bagnante al largo delle acque di Castellaneta in provincia di Taranto.

Come si legge su Today.it secondo la ricostruzione dei fatti, il malcapitato si trovava in canoa insieme ad un amico a una settantina di metri dalla riva, quando ha visto un'ombra appena sotto il pelo dell'acqua. L'animale ha attaccato il kayak cercando di ribaltare le imbarcazioni.

Dobbiamo davvero preoccuparci? In realtà c'è da stare tranquilli e lo spiegano gli esperti di 'Life Elife', il progetto internazionale  Europeo che interviene nella salvaguardia delle diverse specie di squalo nel bacino del Mar Mediterraneo. 

In seguito alla notizia poi diffusasi attraverso i social e su numerose testate i biologi sono dubbiosi sull'accaduto e hanno chiarito che lo squalo toro è una specie generalmente innocua e ormai rara nel Mediterraneo, vive sui fondali e si nutre di pesci e cefalopodi. Non sono mai stati registrati attacchi di squalo toro ad esseri umani. E' una specie schiva e davvero difficile da incontrare.

Tuttavia non è quello che direbbe il povero signore che in seguito all'attacco dello squalo in questione ha visto la sua canoa danneggiata e segni della dentatura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pericolo 'squalo toro' nelle acque pugliesi, dobbiamo preoccuparci?

BariToday è in caricamento