Giovedì, 17 Giugno 2021
social

Frittelle di fior di zucca, un ottimo stuzzichino al gusto delle materie prime pugliesi

Una ricetta con i fiori dal gusto delicato dove si assapora tutta la Puglia

©Marisa Favia

Sono una prelibatezza della della tradizione pugliese contadina serviti come antipasti, stuzzichini, aperitivi, i fiori di zucca fritti rappresentano la nostra terra, le ricette della nonna.

Questi fiori dal gusto delicato sono in realtà anche ottimi saltati semplicemente in padella con pochissimo olio, uno spicchio d’aglio, sale e pepe sono gustosi come contorno.

I fiori di zucca hanno buone proprietà nutrizionali e hanno un bassissimo apporto calorico poiché sono composti quasi interamente da acqua; sono molto delicati e facilmente deperibili, per cui è bene selezionare solo i fiori più freschi che solitamente vengono venduti insieme alle zucchine.

La ricetta delle frittelle di fiori di zucca è economica, esalta le materie prime pugliesi e necessita di ingredienti semplici sempre presenti in tutte le cucine; inoltre è un modo per rendere invitanti le verdure anche agli occhi e al palato dei bambini.

Ingredienti

  • 16 fiori di zucchina grandi
  • 2 uova
  • 100 gr di farina bianca
  • olio per friggere
  • sale q.b.

Come si preparano le frittelle di fiori di zucca

Prendere una ciotola, versare la farina, il sale, i tuorli delle uova e mescolare: amalgamare bene gli ingredienti per ottenere una buona pastella.

Lavare e pulire i fiori di zucca con delicatezza togliendo i pistilli e i gambi e asciugare delicatamente, facendo attenzione a non romperli. Montare a neve gli albumi e aggiungerli alla pastella.

Immergere nel composto i fiori uno alla volta, completamente, in modo che siano zuppi di pastella in modo omogeneo. Scaldare l'olio, friggere i fiori di zucca pochi per volta e far dorare da entrambi i lati.

Asciugare l’olio in eccesso posandoli su fogli di carta assorbente, salare e servire caldi.

Variante: per rendere la ricetta delle frittelle di fiori di zucca più leggera si possono sostituire le uova con dell’acqua frizzante ghiacciata (con dei cubetti di ghiaccio all’interno): in questo modo la cucina pugliese e le sue materie prime, in questo caso le verdure, si lasciano influenzare dalle pratiche della cucina orientale, nello specifico da una preparazione chiamata tempura, tipica della cucina giapponese di verdure e/o pesce impastellati e fritti. La pastella in questione si ottiene mescolando poca farina, acqua frizzante ghiacciata (200 milligrammi) e sale (un pizzico); le verdure vengono prima immerse nella pastella, che deve risultare poco omogenea (né troppo liquida né troppo densa), e poi fritte pochi pezzi per volta con tanto olio a 170°-180° in una padella alta. Si può utilizzare anche un mix di verdure pugliesi: peperoni, melanzane, finocchi, cipolle, zucchine, fiori di zucca, lampascioni ecc.

(Fonte Puglia.com)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frittelle di fior di zucca, un ottimo stuzzichino al gusto delle materie prime pugliesi

BariToday è in caricamento