rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
social

Grandi falò tingono di meraviglia le case e accendono i cuori di speranza: a Castellana Grotte ritorna 'La spettacolare Notte delle Fanove'

Maestose cataste di legna saranno accese, a partire dalle ore 19 di mercoledì 11 gennaio 2023, per celebrare il 332esimo anniversario del prodigioso intervento di Maria Santissima della Vetrana che nel 1691 salvò la città dall’epidemia di peste

Maestose cataste di legna, monumenti alla memoria costruiti per la prima volta 332 anni fa per celebrare il prodigioso intervento di Maria Santissima della Vetrana che, l'11 gennaio 1691, liberò Castellana Grotte dalla peste, rendendola immune rispetto agli ingenti danni e alle tantissime vittime che si registrarono nei comuni limitrofi durante l'epidemia del 1690-1691.

Castellana Grotte (Ba), tutto pronto, dopo le due edizioni annullate a causa della pandemia, per il ritorno de La Notte delle Fanovemercoledì 11 gennaio 2023, e per il programma religioso della Festa Patronale in onore di Maria Santissima della Vetrana giovedì 12 gennaio 2023 con un ricco calendario di appuntamenti organizzato e promosso da Comune di Castellana Grotte e Comitato Feste Patronali di Castellana Grotte per celebrare il 332esimo anniversario del miracolo di Maria Santissima della Vetrana che salvò la città dall’epidemia di peste del 1690-1691.

Fede e tradizione, ma anche fascino e cultura nella notte tra 11 e 12 gennaio, in cui Le “Fanove” grandi falò sparsi per la città, tingono di meraviglia le case del paese, segno della vita che vince la morte, e accendono di speranza i cuori dei castellanesi. 

Dopo il tradizionale rito della “Diana”, corteo notturno per la raccolta dell’olio dai frantoi cittadini, che si è concluso la mattina dell’Epifania al Convento, e la simpatica passeggiata “Sulla scia delle Fanove”, domenica scorsa, fulcro degli eventi religiosi sarà mercoledì 11 gennaio: al termine della Santa Messa celebrata al Convento alle 18, una fiaccola benedetta accenderà tutte le principali cataste di legno allestite, cominciando da quella del Convento, in largo San Francesco. A impreziosire il momento folcloristico che riscalda gli animi, la musica eseguita dalla Banda “Vito Semeraro”.

Il folclore non va confuso con la devozione e la vera fede, espresse nello sguardo dell’icona ottocentesca in cartapesta leccese della Madonna della Vetrana, protagonista del 12 gennaio. Alla mattina i fuochi pirotecnici, seguiti dal giro per le vie del paese a cura della “Banda Castellana Grotte”. La celebrazione delle 18, al Convento, presieduta dal provinciale dei frati francescani, fra’ Alessandro Mastromatteo, sarà seguita, alle 19, dalla processione verso il paese - accompagnata dagli strumentisti della “Banda Castellana Grotte” e dalle fantasie pirotecniche della “Fire Magic Event di Luca Benedetti” - che si concluderà in chiesa Madre.

La musica al centro dei festeggiamenti, venerdì 13, con l’omaggio della “Banda Castellana Grotte”, diretta dal maestro Vito D’Elia, in sinergia con l’associazione teatrale “Grocà”.

Novità, al termine della Messa solenne della domenica (alle 11 in chiesa Madre), presieduta dal vescovo di Conversano-Monopoli, monsignor Favale, sarà il trasferimento, alle 12, dell’icona mariana nella chiesa di Santa Maria del Caroseno, stavolta con l’accompagnamento della Banda “Vito Semeraro”.

“Torniamo finalmente ad ammirare la bellezza e il fascino delle svariate decine di cataste di legna sparse nel paese, a vivere le tradizioni e l’atmosfera che ci rendono orgogliosamente castellanesi e rafforzano il senso di appartenenza alla nostra comunità - ha commentato il sindaco di Castellana Grotte, Domi Ciliberti - Con I Giorni del Fuoco, iniziati già lo scorso 8 gennaio, e con la rievocazione storica Ab Origine svoltasi nel centro storico, inoltre, abbiamo voluto costruire attorno ad uno degli eventi maggiormente attrattivi per la nostra città e per la nostra comunità un contesto di valorizzazione e promozione. L’idea è stata quella di voler rafforzare la vera identità dei castellanesi e del nostro territorio, offrire maggiore conoscenza e consapevolezza ai turisti e ai visitatori, giunti a migliaia in questi primi giorni di gennaio, gettando le basi su cui costruire maggior riconoscibilità e visibilità alla città di Castellana Grotte, alla sua storia, alle sue tradizioni, alla sua cultura e al suo inesauribile legame verso Maria Santissima della Vetrana in un percorso di destagionalizzazione del flusso turistico. La Notte delle Fanove e la Festa Patronale - ha concluso Ciliberti - è bene ricordarlo, sono innanzitutto un altissimo e intensissimo momento di riflessione e di fede per tutta la nostra comunità. Auguro a tutti, castellanesi e non, di viverlo con sentito raccoglimento, sana convivialità e con lo spirito di devozione che da oltre 320 anni caratterizza la nostra città”.

Anche Franco Di Masi, presidente del Comitato Feste:Viviamo queste settimane di festa nel segno della spensieratezza, ma soprattutto della fede e della devozione mariana perché non venga mai meno lo spirito di gratitudine che, tanti secoli fa, i castellanesi manifestarono alla Vergine della Vetrana per averli salvati dalla morte”. Un’occasione preziosa d’incontro, di bellezza e di crescita culturale, per ritrovare le radici di un paese che la gente più umile ha saputo elevare a luogo dove arte e folclore s’incrociano, fermando idealmente il tempo. 

Predisposte nelle aree più esterne al centro urbano alcune aree parcheggio (zona Pip A, area Camper via Turi, impianti sportivi zona 167 e Centro Commerciale Grotte via Putignano) servite da bus navetta gratuito per il centro cittadino (due linee dalle ore 19 alle ore 24 di mercoledì 11 gennaio 2023). Predisposte anche due aree parcheggio presso i plessi scolastici “Silvia Viterbo” in via Materdomini e “Andrea Angiulli” in via Carlo Poerio da cui è possibile raggiungere a piedi il centro storico, largo Porta Grande, largo San Leone Magno e piazza Garibaldi.

Proprio in piazza Garibaldi, a partire dalle ore 21, il concerto dei Cipurrid concluderà il programma di eventi e di spettacoli “I Giorni del Fuoco”, organizzato e promosso da Comune di Castellana Grotte e Grotte di Castellana srl.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandi falò tingono di meraviglia le case e accendono i cuori di speranza: a Castellana Grotte ritorna 'La spettacolare Notte delle Fanove'

BariToday è in caricamento