← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Collegio “Renato Dell’Andro”, strada buia e insicura: protesta degli studenti

Via Camillo Rosalba · Poggiofranco

Rappresentiamo i ragazzi del collegio “Renato Dell’Andro”, situato nel quartiere di Poggiofranco, e siamo stufi di essere presi in giro dal Comune, Anas e Università di Bari circa il completamento del marciapiede che collegherebbe il nostro collegio alla facoltà di Economia in completa sicurezza. Ogni giorno siamo costretti a percorrere questo tratto di 500 metri, schivando auto parcheggiate in maniera selvaggia, tanto da essere costretti a camminare sul ciglio della strada. Essendo un tratto trafficato, perché arteria di collegamento con la tangenziale, più volte è capitato di poter essere investiti dalle auto in transito, fortunatamente (per ora?) senza conseguenze. La situazione peggiora la sera poiché la zona è poco illuminata ed è frequentata da coppie che cercano un po’ di intimità. Nulla contro loro, ma nel caso in cui venisse violentata una ragazza residente nel collegio, come la mettiamo? Si sta aspettando che succeda qualcosa di grave per far avviare i lavori? È passato oltre un anno dalla stipula di un accordo tra le parti, dopo una lunghissima trattativa, in quanto inizialmente non si capiva di chi fosse la proprietà del terreno che separa la nostra struttura dall’ingresso della facoltà di Economia. Da allora più nulla! Siamo stati lasciati soli, senza che nessuno ci dia notizie a riguardo circa i termini per l’inizio e il completamento dei lavori. Stiamo aspettando un caso di cronaca per farli avviare? Spero che questa lettera aperta possa smuovere un po’ la situazione e creare le giuste condizioni affinché partano i lavori e consentano di frequentare la zona con più serenità; inoltre chiediamo che l’Adisu sia in prima linea in questa battaglia in quanto, anch’essa, parte lesa del mancato avvio dei lavori. In fede, Associazione Studenti Collegio “Renato Dell’Andro”

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
BariToday è in caricamento