animali-domestici

Rimedi naturali per dare sollievo al gatto quando ha il raffreddore

Quando il gatto è raffreddato ci sono alcuni accorgimenti che aiutano a dargli sollievo

Starnuti, difficoltà respiratorie e occhi che lacrimano sono i classici sintomi del raffreddore. Non siamo solo noi in inverno alle prese con questi malanni, ma anche il nostri gatti.

Il raffreddore nei felini è più frequente di quello che si pensi soprattutto a causa dei continui sbalzi di temperatura, della maggiore umidità o di un abbassamento delle difese immunitarie.

Ma come dobbiamo comportarci quando si ammala? Sono tanti i rimedi naturali a cui possiamo ricorrere per curarlo, ma prima di tutto dobbiamo capire quali sono i sintomi principali, come ad esempio:

  • difficoltà nella respirazione;
  • starnuti frequenti;
  • qualche linea di febbre;
  • scarso appetito;
  • naso e gola irritati;
  • sonnolenza;
  • lacrimazione degli occhi.

Se ci accorgiamo che il gatto soffre di uno o più di questi stati influenzali il nostro compito è quello di farlo stare meglio.

Quanto può durare il raffreddore?

I gatti sono soggetti al raffreddore, ma come succede a noi, la malattia è passeggera e dura circa 10 giorni se il peloso è in buona salute.

Questo però, non vuol dire che dobbiamo sottovalutare i sintomi: è necessario contattare un veterinario perché sia nei gatti di pochi mesi che in quelli anziani si potrebbe incorrere in conseguenze più gravi come una polmonite.

Possiamo essere contagiati dal raffreddore del gatto?

Il raffreddore dei gatti non è contagioso per l’uomo perchè le cause sono differenti, mentre lo è per gli altri felini. Quindi dobbiamo prestare molta attenzione se in casa ci sono più gatti e cercare di non farli stare troppo vicini.

Quali sono i rimedi naturali?

Le cure del veterinario sono indispensabili, ma esistono accorgimenti che servono a dare un po’ di sollievo al micio. Ad esempio si possono seguire questi consigli:

  • stimolare l’appetito: quando il gatto ha il raffreddore ha poca fame, ma per farlo stare meglio possiamo fargli ritornare l’appetito con cibi caldi e dagli odori intensi. Se ha problemi ad ingoiare, invece, si può aggiungere del brodo così da rendere il pasto più morbido e saporito;
  • farlo bere: anche l’acqua è molto importante per tenerlo sempre idratato e ridurre gli effetti del raffreddore;
  • tenerlo al caldo e a riposo: un altro rimedio naturale ed efficace contro il raffreddore è quello di coprirlo, evitare le correnti d’aria e soprattutto lasciarlo dormire in una cuccia calda e accogliente senza disturbarlo;
  • pulirlo con cura: uno dei sintomi del raffreddore è la lacrimazione degli occhi che andrebbero puliti e lavati periodicamente. La soluzione più efficace è quella di inumidire una garza con infuso di camomilla e togliere i residui di sporcizia dagli occhi. Per farlo respirare meglio, si può usare lo stesso rimedio ed eliminare il muco in eccesso.

Accanto a questi rimedi naturali, non deve mai mancare il nostro affetto e qualche coccola speciale per farlo sentire amato.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Le razze di cani che soffrono il freddo

  • Le fragilità del cane anziano, ecco come riconoscerle e gestirle al meglio

  • Animali e superstizioni: false credenze e racconti su cani, gatti e non solo

  • Giocare e divertirsi in inverno col pet nei parchi di Bari

  • Le razze di gatti che soffrono il freddo

Torna su
BariToday è in caricamento