Nasce L'ASD Bari di Blasi. Grana Giancaspro: non vuole lasciare lo stadio

L'imprenditore ionico costituisce la quarta società interessata al titolo del Bari. Intanto il molfettese non vuole lasciare il San Nicola. L'ultimatum del Comune: "Fuori entro il primo agosto"

Stringe il tempo per aderire alle manifestazioni di interesse per acquisire il titolo sportivo del Bari, attualmente nelle mani del Comune, con la scadenza fissata a mezzogiorno di domani.

Dopo la costituzione di tre società (SS Bari, AS Bari 1908, ASD Bari 1908) avvenuta nella giornata di venerdì, e l'interessamento di Claudio Lotito, va registrata la costituzione di una quarta società ASD Bari Calcio, che fa capo all'imprenditore ionico Luigi Blasi, ex presidente del Taranto.

Il comunicato di Blasi

"Confermo il mio interessamento - recita il comunicato di Blasi - ad acquisire il diritto di rappresentare calcisticamente la città di Bari. Anche affrontando le difficoltà che si celano nella disputa di un campionato di serie D, ma con il dichiarato intento di riportare il calcio barese nelle categorie che più gli competono. Stamane ho provveduto alla affiliazione, presso il Comitato Ragionale Puglia della Figc, della A.S.D. Bari Calcio. Entro domani 31 luglio 2018 provvederò a depositare la manifestazione d’interesse richiesta nell’avviso pubblico del 23 luglio 2018 del Comune di Bari come ad espletare tutti gli adempimenti in esso richiesti.

Da pugliese, appassionato di calcio, è mia intenzione intraprendere questa nuova iniziativa a Bari con intenti esclusivamente sportivi. Le mie aziende, leader nella produzione di macchine agricole, distribuiscono e sono affermate a livello internazionale. Forte dell’esperienza acquisita nel settore calcistico, con precedenti stagioni vissute da presidente, intendo gestire in prima persona. Non vengo a Bari per speculare economicamente, ma con l’unico intento di portare la A.S.D. Bari calcio sui palcoscenici che la città merita. Faccio questo spinto dalla passione, per il calcio, che sempre mi ha animato. Il calcio è passione, non speculazione. Questo è il mio motto. Sono sportivamente interessato a questa piazza perchè la ritengo una delle migliori d’Italia. Una città dove, grazie anche al caloroso sostegno dei tifosi e dell’intera comunità, si possono realizzare progetti sportivi di valenza primaria.

Come ho già avuto modo di rappresentare nelle sedi opportune il mio progetto è pronto a decollare, con ambizioni di primato, dalla serie D, ma anche dalla Lega Pro ove la Figc, con un provvedimento straordinario e in presenza di carenza di organico, riaprisse i termini e ritenesse giusto  ammettere il Bari alla disputa del campionato in quella categoria".

San Nicola: grana Giancaspro, furia Decaro

Mentre le operazioni per costituire la nuova società procedono seppur a rilento, ci sono ancora strascichi legati alla vecchia FC Bari 1908. A quanto pare Giancaspro, che tempo fa prese la residenza allo stadio, buon vuole abbandonare l'impianto. Secondi quanto riportato da La Gazzetta del Mezzogiorno, l'atteggiamento dell'imprenditore molfettese ha mandato su tutte le furie il sindaco Decaro che ha definito tale condotta "grave, ai limiti del provocatorio" e che ha minacciato l'intervento dei vigili per riprendere le chiavi. Il primo cittadino ha inoltre dichiarato di star valutando "un'azione legale verso Giancaspro per danni d'immagine alla città".

LA LETTERA INVIATA DAL COMUNE A GIANCASPRO

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento