Giovedì, 29 Luglio 2021
Sport

Modena-Bari 0-0 | Al "Braglia" vince la noia

Poche emozioni, ma i galletti muovono comunque la classifica. Il migliore Lamanna che ha salvato più volte il risultato. Intanto prima vittima sacrificale: il Grosseto retrocede in Lega Pro

Poche emozioni al "Braglia" dove a vincere è la noia. Modena e Bari muovono la loro classifica. Un punto è sempre meglio di niente, ma forse si poteva far meglio. Vincenzo Torrente ha riproposto Ristovsky a destra, a sinistra ha precauzionalmente posizionato Polenta, e sulla mediana ha ridato fiducia a Romizi, tornato disponibile dopo il turno di squalifica. Infine in attacco Fedato preferito a Iunco.

Cambi e turn-over annunciato per dosare le energie e affrontare al meglio una settimana ricca di impegni. L'andamento del match parlerà di energie dosate forse anche troppo, con Lamanna, il portiere, sicuramente da ritenersi il più positivo dell'undici biancorosso.

PIU' MODENA CHE BARI NEL PRIMO TEMPO - E così più pericolosa è stata la formazione di Walter Novellino, schierata con un 4-4-1-1 che in fase offensiva si tramutava sovente in 4-3-3, già al 3' e al 5' vicina due volte al goal, prima per un quasi autogoal di Polenta e poi sugli sviluppi di una punizione ben calciata da Mazzarani.

L'unica vera punta di ruolo, Ardemagni, ben marcato, andava comunque vicinissima al goal al 15', ma trovava un ottimo Lamanna sulla sua strada. In avanti, complice la giornata abulica di Francesco Fedato, l'unico a rendersi pericoloso era il solito Ciccio Caputo che al 21' e al 30' in due occasioni creava affanni a Colombi e soci.

Fedato, dicevamo. Si, giornata no per lui, visto il modo in cui al 39' sprecava una facile occasione da rete.

RIPRESA PIU' EQUILIBRATA - Parecchie sostituzioni nella ripresa e gara sostanzialmente più equilibrata. Lazarevic, al 12', in contropiede falliva una buona opportunità per portare i suoi in vantaggio. L'ingresso di Tallo nel Bari dava maggior peso al reparto offensivo. L'ex romanista, a dirla tutta, andava anche a segno al 36', ma il suo goal veniva annullato dal direttore di gara. Suo l'ultimo acuto del match. Palla sull'esterno della rete.

In conclusione un Bari appena sufficiente. L'importante come sempre in queste gare roventi per la permanenza in B era non perdere, e l'obiettivo è stato dunque raggiunto. In avanti è mancata un pò di brillantezza, con la squadra che si è ridestata solo dopo l'ingresso di Tallo.

--

IL TABELLINO:

MODENA (4-4-1-1): Colombi, Andelkovic, Zoboli (20' s.t. Gozzi), Perna, Gulan, Moretti, Nardini, Osuji, Lazarevic (15' s.t. Surraco), Mazzarani (7' s.t. Stanco), Ardemagni - all: Novellino

BARI (4-3-3): Lamanna, Ristovsky, Ceppitelli, Dos Santos, Polenta, Sciaudone, Romizi (15' s.t. De Falco), Defendi, Ghezzal (42' s.t. Iunco), Caputo, Fedato (30' s.t. Tallo) - all: Torrente

Ammoniti: Dos Santos, Fedato, Tallo, Moretti, Osuji, Ardemagni

MODENA-BARI: LE PAGELLE

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modena-Bari 0-0 | Al "Braglia" vince la noia

BariToday è in caricamento