Giovedì, 29 Luglio 2021
Sport

Vicenza-Bari 3-1 | Bari vivo per mezz'ora. Serve il Gubbio per la salvezza

Un Bari in partita per circa mezz'ora cade anche al Menti di Vicenza rivitalizzando la corsa salvezza dei veneti. Per i galletti, quindi, la salvezza matematica sarà da centrare nell'ultima gara contro il Gubbio.

Un Bari vivo per mezz'ora cade anche al Menti di Vicenza rivitalizzando la corsa salvezza dei veneti: l'undici di Cagni vince 3-1 dopo essere andato sotto per il gol di De Falco. Nonostante il vantaggio iniziale, infatti, i galletti sono stati prima raggiunti da Giani e poi sorpassati definitivamente dalle marcature di Paolucci e Gavazzi. Con questo risultato i galletti saranno costretti a fare risultato domenica contro il Gubbio per centrare la salvezza visto che il Livorno vince a Brescia portandosi a -2 e l'Empoli, quint'ultimo, dista tre punti.

IL MATCH - Il Bari parte alla grande e al 5' Frison deve già impegnarsi per evitare il vantaggio dei galletti: Forestieri riceve da sinistra, si libera sul vertice destro dell'area veneta e lascia partire un insidiosissimo rasoterra mancino verso il primo palo sul quale il portiere vicentino si distende deviando in corner con la punta delle dita. Al 12' il Vicenza risponde con una colossale azione gol sprecata: su un cross da destra Abbruscato, lasciato tutto solo al centro dell'area piccola del Bari, cicca incredibilmente il pallone graziando Lamanna. Al terzo tentativo, però, il risultato si sblocca grazie a De Falco che, evidentemente, si esalta quando vede il Vicenza visto che andò in gol anche all'andata: al 15' il centrocampista biancorosso riceve sulla trequarti e lascia partire un sinistro potentissimo dai venticinque metri che si insacca vicino al palo alla destra di un incolpevole Frison. Sesto gol stagionale per il numero sei dei galletti e vantaggio Bari. Il Vicenza reagisce e al primo tiro in porta ristabilisce la parità: su un corner da destra, Cavanda si perde Giani e il difensore vicentino di testa inchioda l'1-1. Il Bari non ci sta e al 32' ci riprova Forestieri: il 'Topa' ruba palla sui venticinque metri e, una volta al limite, calcia di destro trovando un rasoterra messo in corner da un attento Frison. Sull'angolo seguente Scavone riesce a calciare in porta dal cuore dell'area veneta trovando la pronta risposta del numero uno vicentino anche se il centrocampista barese protesta per una trattenuta al momento del tiro. Il Vicenza sembra in difficoltà ma al 41' trova il secondo gol al secondo tiro in porta: su un innocuo cross da destra, Crescenzi si addormenta permettendo il recupero dalla parte opposta a Paolucci. L'attaccante vicentino salta De Falco, si accentra e dal limite lascia partire un destro che, anche grazie ad una deviazione di Bogliacino, si insacca alle spalle di un incolpevole Lamanna. Il Bari sembra alle corde e nell'ultimo minuto di primo tempo il Vicenza sfiora il 3-1: cross da destra di Gavazzi e testa di Abbruscato, fermato in corner da Lamanna. E' l'ultimo sussulto di un primo tempo vivace e ricco di spunti ma dominato da tanti errori individuali che hanno portato al vantaggio veneto.

La ripresa comincia con un cambio per parte: nel Vicenza Baclet sostituisce un disastroso Abbruscato mentre nel Bari Castillo entra al posto dell'impalpabile Cavanda. Caputo dà segni della sua presenza in campo al 51' quando, su un corner da sinistra, colpisce di testa non trovando, però, la porta di Frison. La partita cala nettamente di ritmo e al 57' la pietra tombale la mette Gavazzi con un super gol: l'esterno vicentino controlla sui trenta metri e, senza pressione della retroguardia barese, lascia partire un sinistro terrificante che si insacca a fil di palo con Lamanna ancora inerme. Secondo gol in campionato per Gavazzi e 3-1 per il Vicenza. Cinque minuti dopo il Vicenza rischia di dilagare: Gavazzi serve in profondità Paolucci il quale, a tu per tu con Lamanna, cerca la super giocata tentando lo scavetto ma il portiere barese resta in piedi ed evita il poker veneto. I galletti si fanno vivi solo su calcio piazzato come al 71' quando Borghese colpisce di testa su corner di De Falco mettendo, però, la palla alta. Il Vicenza si limita al controllo, il Bari non mostra trame di gioco degne di nota e nell'ultimo quarto d'ora non succede praticamente più nulla, se si eccettua un gol probabilmente regolare annullato a Bellomo al 79': al Menti Vicenza batte Bari 3-1 e i galletti dovranno conquistarsi la salvezza nell'ultima gara, quella di domenica prossima contro il Gubbio.

LA SVOLTA DEL MATCH - Le disattenzioni difensive del Bari hanno fornito la svolta del match. Sul primo gol del Vicenza, Cavanda si perde l'autore del pareggio Giani, sul secondo Crescenzi si addormenta lasciando a Paolucci la possibilità di recuperare un pallone che sembrava innocuo mentre sul terzo Gavazzi è lasciato libero di controllare a metà campo e tirare in porta senza un minimo di pressione dei giocatori baresi.

TABELLINO

VICENZA(4-3-1-2) - Frison; Brighenti, Martinelli, Pisano, Giani(55'Bastrini); Gavazzi, Soligo, Botta; Pinardi(84'Paro); Abbruscato(46'Baclet), Paolucci. A disposizione: Pinsoglio, Tonucci, Bariti, Maiorino. Allenatore: Luigi Cagni.

BARI(4-3-3) - Lamanna; Crescenzi, Borghese, Claiton, Garofalo; De Falco, Bogliacino, Scavone(67'Bellomo); Cavanda(46'Castillo), Caputo(73'Galano), Forestieri. A disposizione: Koprivec, Masi, Rivaldo, Rana. Allenatore: Vincenzo Torrente(in panchina Vincenzo Tavarilli)

Arbitro: Calvarese di Teramo

Marcatori: 15'De Falco(B), 25'Giani(V), 41'Paolucci(V), 57'Gavazzi(V)

Espulsi: Nessuno

Ammoniti: Botta(V), Borghese(B), Gavazzi(V), Brighenti(V), Bogliacino(B)

LE PAGELLE

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza-Bari 3-1 | Bari vivo per mezz'ora. Serve il Gubbio per la salvezza

BariToday è in caricamento