Sabato, 31 Luglio 2021
Sport

As Bari: tra partenze e scadenze. L'infuocato gennaio dei biancorossi

La società deve pagare i contributi Irpef degli stipendi di ottobre e novembre, non corrisposti il mese scorso, per evitare un'altra penalizzazione. Sul fronte mercato, in partenza Sciaudone e Lugo, si fa il nome di Comi per l'attacco

E’ difficile azzardare previsioni sul 2014 che si è appena presentato, ma senz’altro per il Bari sarà un anno ricco di insidie.
Mercato, pagamento degli stipendi e contributi, sono le parole che risuoneranno in un gennaio che, almeno in casa biancorossa, sarà infuocato.

IRPEF ED ENPALS - Si comincia giovedì 16 gennaio, data entro la quale la società dovrà essere in grado di corrispondere la quota Irpef relativa agli stipendi di ottobre e novembre 2013; una cifra che verrebbe pagata con un mese di ritardo, il che comporterà un’ulteriore penalizzazione di un punto.
Più pesante il “dazio” da pagare da qui alla fine della stagione. Servono almeno 2,5 milioni di euro, tra contributi enpals e irpef, e per pagare gli stipendi ai calciatori, senza contare l’iscrizione al prossimo campionato.

NUOVI SOCI – Paparesta cerca sempre nuovi imprenditori che siano interessati a rilevare il Bari. C’è però l’annosa questione dei debiti, che non tutti i nuovi eventuali soci, potrebbero decidere di accollarsi. Servirà quindi uno sforzo dei Matarrese.

MERCATO – Con il campionato che riprenderà sabato 25 gennaio, la squadra ha il tempo sufficiente per smaltire le scorie accumulate nella prima metà di campionato, e Angelozzi quello per provare a piazzare qualche colpo.
La situazione economica porterà molto probabilmente i biancorossi alla rinuncia ad alcuni giocatori importanti, che consentirebbero alle esangui casse societarie, di respirare un po’.

CHI VA – E’ sempre stato oggetto del desiderio di molte compagini di B e A, Daniele Sciaudone questa volta potrebbe davvero lasciare il Capoluogo di Regione. E’ lo Spezia, la squadra che sta palesando il più forte interessamento per la mezzala, come testimonia l’offerta di 500mila euro che la squadra avrebbe formulato, secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport. Ma anche dalla massima serie (il Cagliari soprattutto in caso di partenza di Nainggolan) potrebbe pervenire un’offerta importante.
Più difficile pensare ad una partenza di Fedato, Fossati e Galano, il cui grande passo potrebbe essere completato al termine della stagione.
Chi andrà quasi certamente via è Richard Lugo, centrocampista di (presunta) qualità, facente parte insieme ad Alonso e Joao Silva del trittico di mezzi sconosciuti portati a Bari da Angelozzi nelle ultime ore di mercato.
Il paraguayano, è stato impiegato con il contagocce da Alberti, senza peraltro mai incantare, a dispetto dell’impegnativa maglia (la numero 10) che ha scelto di indossare. Come per Alonso, potrebbe esserci una consensuale interruzione del contratto.

CHI VIENE – Gennaro Delvecchio non sarà l’unico arrivo in casa biancorossa, ma è davvero improbabile che la società possa piazzare colpi sensazionali nel mercato di riparazione. Diversi i nomi accavallatisi in questi giorni, da Succi a Granoche, la verità è che con molta probabilità Alberti dovrà fare affidamento sui ragazzi di cui dispone attualmente. Saranno quindi Joao Silva e Beltrame gli attaccanti, con discrete possibilità di impiego anche per il giovane Leonetti.
Si è fatto anche il nome di Comi del Novara, il cui pessimo score di inizio stagione, non incoraggerebbe però un suo acquisto. Infine c’è la questione calcioscommesse: se il Tnas dovesse accogliere il ricorso di Caputo, sarebbe proprio l’ex capitano biancorosso, il vero acquisto.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

As Bari: tra partenze e scadenze. L'infuocato gennaio dei biancorossi

BariToday è in caricamento