Domenica, 13 Giugno 2021
Sport

Ascoli-Bari 3-1 | Un'ingenuità di Bellomo punisce il Bari

Un Bari in gara fino alla metà della ripresa viene punito da una colossale ingenuità di Bellomo che, già ammonito, si fa espellere per una sciocchezza evitabile sul punteggio di 1-1. A quel punto, l'Ascoli dilaga

Un Bari poco lucido dopo l'ottima prestazione di giovedì in coppa Italia viene battuto al Del Duca dall'Ascoli. 3-1 il finale di una gara in bilico fino a metà della ripresa fino a quando l'inferiorità numerica per l'espulsione di Bellomo ha definitivamente spostato gli equilibri. I marchigiani ottengono così la loro terza vittoria consecutiva mentre il Bari rimane a quota venti punti, solo due in più delle quint'ultime Empoli, Vicenza e Brescia.

IL MATCH - Il primo brivido lo procura l'esordiente Galano che al 6' ci prova da fuori non trovando la porta per una questione di centimetri. La risposta ascolana arriva al quarto d'ora con Di Donato che prova a emulare Galano cercando risultati migliori ma l'esito della conclusione del capitano bianconero è identico al precedente. L'Ascoli sale di tono e al 24' passa in vantaggio: grandissima protezione della palla di Soncin che, spalle alla porta, riesce a trovare un filtrante pazzesco fra Borghese e Ceppitelli per servire Papa Waigo. Il senegalese salta Lamanna e a porta vuota deposita il pallone che vale l'1-0. Al 28' ci prova nuovamente Galano con una volèe di sinistro su un cross di Stoian ma la conclusione del giocatore biancorosso è centrale. Il Bari non riesce a dare continuità alla propria azione e proprio in chiusura di prima frazione l'Ascoli sfiora il raddoppio: Papa Waigo imbecca Soncin in area e l'attaccante ascolano prova il lob a scavalcare Lamanna che riesce a smanacciare con la punta delle dita evitando, così, il raddoppio dei padroni di casa. La ripresa inizia con gli stessi ventidue e il primo sussulto arriva al 52' con una sassata da fuori di Crescenzi che chiama Guarna all'intervento in corner. Dopo qualche sortita offensiva marchigiana, al 63' il Bari trova il pareggio: il neoentrato Marotta fa bene da sponda al limite dell'area per l'inserimento di Donati che di destro in diagonale trafigge Guarna, beffato anche dalla deviazione di un suo compagno. L'Ascoli prova subito a riportarsi in vantaggio con Sbaffo che al 66' ci prova dal limite ma il suo sinistro è fuori misura. Al 73'Bellomo commette una grossa ingenuità facendosi banalmente ammonire per la seconda volta e lasciando in inferiorità il Bari che, qualche minuto dopo, viene fatalmente punito: su corner da destra, Papa Waigo svetta più in alto di tutti e colpisce di testa. Sulla traiettoria del pallone si inserisce Soncin che, tenuto in posizione regolare da Rivaldo, devia in rete il pallone del 2-1. Due minuti dopo la scena si ripete con Papa Waigo che, questa volta, trova la puntuale risposta di Lamanna che evita il 3-1. La partità in ghiaccio, però, la mette all'83' Di Donato che sfrutta al meglio un cross da destra dello scatenato Papa Waigo anticipando in scivolata Borghese e trafiggendo per la terza volta Lamanna. Il finale è 'garbage time' e l'Ascoli porta a casa la terza vittoria consecutiva.

LA SVOLTA DEL MATCH - L'espulsione di Bellomo è stata la svolta del match: proprio nel miglior momento per il Bari, infatti, il rosso al centrocampista biancorosso dà superiorità numerica e nuova linfa all'Ascoli che nel giro di dieci minuti segna per due volte e vince la gara.

DICHIARAZIONI POST-GARA - Visibilmente insoddisfatto il tecnico biancorosso Torrente alla fine della gara. L'allenatore campano, infatti, commenta così il pesante ko patito al Del Duca: "Credo sia palese come l'espulsione abbia condizionato la partita. Sul primo gol siamo stati troppo leggeri, si poteva evitare. Ma anche sugli altri siamo stati poco attenti. Credo che la gara odierna rappresenti un pericoloso passo indietro, non solo rispetto a Genova. I ragazzi sono mancati soprattutto sotto il punto di vista dell'attenzione e della determinazione: è mancata la rabbia giusta e la giusta concentrazione".

TABELLINO

ASCOLI(5-3-2) - Guarna; Gazzola, Ciofani, Peccarisi, Faisca, Pasqualini; Di Donato, Sbaffo(77'Falconieri), Pederzoli; Soncin(85'Parfait), Papa Waigo. A disposizione: Maurantonio, Giovannini, Tamburini, Vitiello, Beretta. Allenatore: Massimo Silva.

BARI(4-3-3) - Lamanna; Crescenzi, Borghese, Ceppitelli, Garofalo; Rivaldo, Donati, Bellomo; Galano, Caputo, Stoian(58'Marotta). A disposizione: Koprivec, Claiton, Polenta, Di Noia, De Falco, Rivas. Allenatore: Vincenzo Torrente

Arbitro: Mariani di Aprilia

Marcatori: 24'Papa Waigo(A), 63'Donati(B), 78'Soncin(A), 83'Di Donato(A)

Espulsi: 73'Bellomo(B)

Ammoniti: Garofalo(B), Gazzola(A), Di Donato(A), Bellomo(B), Caputo(B), Pasqualini(A)

LE PAGELLE

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ascoli-Bari 3-1 | Un'ingenuità di Bellomo punisce il Bari

BariToday è in caricamento