Giovedì, 29 Luglio 2021
Sport

Statella, esordio con gol. Il Bari "pignora" 2 punti al Carpi

I biancorossi avanti con Ceppitelli, spariscono dal campo dopo il pareggio di Mbakogu, che nella ripresa completa la rimonta. L'esterno, entrato alla mezz'ora della ripresa, trova l'insperato gol all'overtime. Fischi e contestazioni del pubblico

Giuseppe Statella è l’uomo di copertina nella gara tra Bari e Carpi. All’esordio stagionale, l’esterno biancorosso trova il gol al 46’ della ripresa, che fa tirare un sospiro di sollievo ad Alberti, e spezza i sogni del Carpi, di portare a casa 3 punti d’oro.

Un gol che premia verosimilmente oltre i propri meriti la formazione di casa, spentasi ben presto, dopo il gol del pareggio di Mbakogu al 27’ della prima frazione, 5 minuti dopo il vantaggio di Ceppitelli.
Un’involuzione inspiegabile quanto preoccupante, perché il Bari visto nella prima metà di primo tempo, ha letteralmente dominato il (pessimo) campo, concedendo le briciole agli emiliani, e impegnando in più di un’occasione Nocchi.

Nel primo tempo double face dei biancorossi, emergono in primis le novità di formazione, con Marotta per la prima volta titolare in attacco, il ritorno di Fedato come trequartista centrale, e quello di Sciaudone a centrocampo.
E’ un bel Bari, aggressivo e propositivo, che con Galano si avvicina al gol all’8’ (gran destro respinto in angolo da Nocchi), e al 17’ (cross dalla sinistra di Fedato, uscita a vuoto di Nocchi e mancata deviazione sotto porta). Marotta, ben più mobile di Joao Silva, è bravo sia a dare profondità, sia nel gioco di sponda per le tre mezze punte.
Il vantaggio, già nell’aria, arriva però al 22’ con il gol di un difensore, Ceppitelli, che trova il momento giusto per colpire di testa, beneficiando anche dell’uscita fuori tempo di Nocchi.
La gioia dura poco, perché come sempre, anche nei più felici pomeriggi biancorossi, c’è sempre un “ma”, un qualcosa che finisce per guastare quanto di buono costruito prima.
Al 27’ Mbakogu segna, confermando il feeling con il Bari (già colpito con una doppietta un anno fa con la maglia della Juve Stabia) ed è un episodio importante, perché la partita cambia.
Come i venti estivi a mezzogiorno, la partita si ribalta, ed è il Carpi a prendere coraggio, guadagnando metri e costringendo il Bari ad un affannosa difesa.

SECONDO TEMPO – Sulla balconata della “Nord” campeggia uno striscione “Ribellarsi è un dovere”, a testimoniare il supporto degli ultra biancorossi alla protesta promossa dai “Forconi”.  
Un altro, ben più mortificante, fa riferimento alla società, e al pignoramento nella sede sociale, di coppe e cimeli, disposto dalla Corte d’Appello di Bari, in seguito a delle insolvenze relative al biennio 2010-11 della proprietà nei confronti di una società di servizi. “La maglia non ha debiti… pignorate i Matarrese”, la frase dura quanto eloquente.
Basta poco affinché il dissenso dei tifosi, si sposti sui giocatori. Il Bari peggiora minuto dopo minuto, rinunciando di fatto a giocare, e subendo il secondo gol di Mbakogu al 16’. Imbarazzante il modo in cui l’attaccante nigeriano riesce ad addomesticare il pallone in area, senza ricevere una accurata opposizione.
Alberti cambia, inserendo Joao Silva per il fantasma di Fedato, e l’esordiente Statella per il capitano Defendi.
A parte il colpo di testa del centravanti, respinto da Nocchi, non cambia nulla.
Il Carpi gestisce con calma olimpica, sciupando anche qualche ghiotta opportunità in contropiede. Alberti si affida a Lugo, nella speranza che possano crearsi le condizioni per una conclusione dalla distanza o un calcio piazzato. E’ invece Joao Silva a tenere in allerta Nocchi, con un colpo di testa sugli sviluppi di un corner.
Poi il gol, la zampata di Statella, dopo un’azione confusa, avviata dall’ottima percussione di Galano (l’unico a salvarsi nelle file dei biancorossi) sulla sinistra.
Gol che consente ai biancorossi di uscire imbattuti, non di risparmiarsi i fischi del San Nicola.

Tabellino

BARI (4-2-3-1) Guarna; Sabelli, Ceppitelli, Chiosa, Calderoni; Sciaudone, Fossati (32’st Lugo); Galano, Fedato (18’st Joao Silva), Defendi (29’st Statella); Marotta. A disposizione: Pena, Vosnakidis, Beltrame, Polenta, De Falco, Romizi. All. Alberti

CARPI (4-1-4-1) Nocchi; Letizia, Pesoli, Romagnoli, Sperotto; Porcari; Di Gaudio (42’st Bertoni), Concas, Memushaj, Sgrigna (6’st Kirilov); Mbakogu (30’st Inglese). A disposizione: Kovacsik, Della Rocca, Liviero, Lollo, De Vitis. All. Vecchi

ARBITRO: Bruno di Torino

MARCATORI: 22’pt Ceppitelli (B), 27’pt e 16’st Mbakogu (C), 46’st Statella (B)

AMMONITI: Romagnoli (C), Fossati (B), Chiosa (B), Calderoni (B)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Statella, esordio con gol. Il Bari "pignora" 2 punti al Carpi

BariToday è in caricamento