menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

FC Bari, rottura Giancaspro-Paparesta: il socio di minoranza lascia il Cda

L'imprenditore molfettese si dimette dal Consiglio di amministrazione e annuncia "azioni giudiziarie" a tutela dei suoi diritti e del club. La replica della società: "Destabilizza ingiustificatamente l'ambiente"

E' rottura nella FC Bari tra Paparesta e il socio di minoranza, Cosmo Antonio Giancaspro. Dopo le polemiche dei giorni scorsi sull'urgenza di una ricapitalizzazione, l'imprenditore molfettese ha annunciato le sue dimissioni dal Cda,  riferendo di essere pronto ad "ogni opportuna azione giudiziaria" per tutelare i suoi diritti e quelli della stessa società, penalizzati, secondo il socio di minoranza, da una "incomprensibile inerzia sia dell’Organo amministrativo, sia del Collegio sindacale" in relazione alla ricapitalizzazione. Allo stesso tempo Giancaspro ha comunque ribadito la volontà di mantenere la partecipazione sociale del 5%

LA NOTA DI REPLICA DELLA BARI - A stretto giro, in serata, è arrivata la replica del club biancorosso al comunicato diffuso da Giancaspro. "A seguito dell'ennesimo contraddittorio comunicato, diramato dal rappresentante del socio di minoranza al 5% dott. Giancaspro, la F.C. Bari 1908, ribadendo la piena legittimità e trasparenza del proprio operato, diffida lo stesso, ove abbia davvero a cuore le sorti sportive della squadra, dal proseguire in questa spettacolarizzazione delle sue volontà, che non fa altro che destabilizzare e turbare ingiustificatamente l'intero ambiente. Lascia allibiti, infatti, la capacità del dott. Giancaspro di diramare note ufficiali su questioni societarie, peraltro assolutamente opinabili, in un momento così delicato della stagione agonistica, in cui tutte le componenti del sodalizio biancorosso dovrebbero essere invece compatte verso un unico obiettivo. Basterebbe chiedersi cui prodest tale iniziativa, per comprendere la gravità della stessa, che oltretutto nulla aggiunge agli ipotizzati diritti e iniziative giudiziarie all’esame del Dr. Giancaspro, dal momento che ogni eventuale azione ha tempi e sedi opportune per essere dibattuta, soprattutto alla luce delle sue innumerevoli dichiarazioni in cui ha sostenuto di mettere il bene della squadra e della Società al primo posto. E invece, dopo aver destabilizzato la piazza, creando tensione e sconcerto nelle ore antecedenti l'importante gara contro il Brescia, ecco che il copione si ripete. Francamente, concentrati come siamo sull’esito sportivo della stagione, fatichiamo a comprenderne il fine, ma ancora una volta tranquillizziamo i nostri tifosi, ribadendo che queste azioni di disturbo non riusciranno ad interrompere né a far saltare una trattativa ormai in dirittura d’arrivo, con un potenziale acquirente che ha dimostrato oltre ogni misura, la propria serietà e solidità economica. F.C. Bari 1908 invita pertanto tutto l'ambiente a compattarsi intorno alla squadra, nel tentativo di contribuire al raggiungimento di quello che dovrebbe essere per tutti un obiettivo comune, dando appuntamento nelle opportune sedi per quanto concerne le vicende della s.p.a. che dovrebbero invero rimanere all'interno delle mura societarie".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento