Martedì, 19 Ottobre 2021
Calcio

Bari-Monopoli, le voci dallo stadio | Mignani: "Vittoria meritata che premia il lavoro della squadra"

Colombo rende merito ai biancorossi: "La partita sembrava essersi messa come volevamo noi ma le squadre come il Bari hanno mille risorse". L'assistman Ricci: "Vittoria voluta, importante la spinta dagli spalti"

Il Bari ha vinto il derby con il Monopoli 1-0, guadagnando 4 punti di vantaggio sui biancoverdi, la Turris e il Taranto, tutte a quota 13. Nel post partita della gara decisa da Manuel Scavone, alcuni dei protagonisti si sono alternati al microfono in sala stampa.

Michele Mignani, allenatore del Bari, ha commentato così la vittoria: "I tifosi e il risultato sono le due cose belle di questa sera. Avere la nostra gente allo stadio, sentire l'incitamento e averli con noi è stato bello. Il risultato premia il lavoro della squadra, che è stato grande soprattutto nel primo tempo, anche nel secondo, con un po' di sacrificio nel finale, ma tutto sommato è una vittoria meritata. I cambi prima del gol? Sono onesto, non doveva uscire Scavone, l'altro era Ricci. Deve diventare la forza del Bari la possibilità di cambiare e avere giocatori freschi che diano soluzioni. Col senno di poi non si può mai sapere, magari avremmo cambiato e vinto 2-0. Guardo sempre alla prestazione della squadra. Il primo tempo mi è piaciuto sotto tutti gli aspetti e spero sempre si possa mantenere quel ritmo per 90', ma era la terza partita in una settimana, non era semplice resistere per tutta la gara. Siamo calati sia noi che loro, nella ripresa abbiamo fatto un po' fatica ma è troppo importante avere continuità di risultati. Dovevamo provare a vincerla fino al 95' ma non rischiare mai di perderla, questo deve essere il pensiero di una squadra forte. Siamo stati bravi ad inserirci con un centrocampista e con un po' di sofferenza siamo riusciti a portarla a casa. Vittoria pesante? Tutte le vittorie aiutano a vincere i campionati, speriamo di farne altre ancora più pesanti di qui alla fine. Avevamo di fronte una squadra tosta ha quei punti in classifica non per caso e che sente questa partita in maniera particolare. Ci hanno messo tutto e ci hanno messo tutto, abbiamo vinto noi, credo meritando".

Il tecnico biancorosso ha poi spiegato per quale motivo ha scelto di lasciare Antenucci fuori dall'undici iniziale, dopo che il bomber era stato a riposo anche a Messina e in molti si aspettavano di vederlo partire titolare: "Chiamatelo turnover o scelta tecnica, come vi pare. Credo moltissimo in Antenucci e sono straconvinto che ci farà vincere delle partite. Avevo la possibilità di mandarlo in campo e l'ho fatto. All'inizio ho fatto una scelta diversa ma questo non vuol dire nulla, ci sono giocatori che stanno fuori da più partite e altri che stanno giocando ora ma magari non giocheranno la prossima. Come ho detto altre volte non ci sono riserve, qui sono tutti titolari".

Inevitabile la domanda sul primo allungo in classifica, su cui il mister dei galletti glissa: "Non parlo di questo. Se l'obiettivo del campionato fosse arrivare a 17 punti sarebbe un obiettivo centrato ma non credo sia questo".

Su Scavone che in estate era dato come un possibile partente e che stasera è stato decisivo: "Ha fatto lui, è un grande ragazzo e un grandissimo professionista. C'è stata la possibilità di rimanere a Bari e si è allenato tutti i giorni cercando di dimostrarmi che meritava di giocare aspettando il suo momento".

Infine sulle condizioni del capitano Valerio Di Cesare, uscito al 65' a scopo precauzionale: "Aveva già un problema e ha preso un colpo, un ematoma gli impedisce di correre bene. Marras dall'inizio? Nel mio modo di ragionare ci sono coppie di attaccanti che si sposano meglio rispetto ad altre. Lui sa lavorare in ampiezza e attaccando la profondità e tra le linee, l'ho accoppiato con un giocatore fisico (Simeri ndr) con più presenza in area di rigore".

colombo-bari-monopoli-2Colombo: "Concesso poco ma il Bari ha mille risorse"

Riconosce la forza degli avversari il tecnico dei gabbiani, Alberto Colombo, che pure loda la prestazione attenta dei suoi: "La partita stava girando come noi volevamo, con una fase difensiva ben organizzata senza concedere molto al Bari. Volevamo sfruttare la loro voglia di fare il risultato, aspettare che si scoprissero spinti anche dal pubblico e provare a infilarli in contropiede. Con un po' più di coraggio nel secondo tempo avremmo potuto fare male in occasione di qualche ripartenza, come è capitato con Piccinini e Grandolfo. La gara mi sembrava incanalata nel verso giusto. Mi sembrava che il Bari stesse perdendo fiducia perché non trovava il varco giusto e poteva forzare qualche giocata agevolando le nostre ripartenze ma sapevamo anche che una squadra del genere ha mille risorse e fino a quando l'arbitro non fischia può trovare la situazione vincente e così è stato. il Bari mi è sembrato più consapevole di giornata in giornata, quindi la nostra bravura è stata quella di arginare il più possibile le qualità offensive di una squadra come questa. Avevamo concesso soltanto qualche tiro dalla distanza e qualche palla inattiva, ma poi hanno estratto il coniglio dal cilindro con l'inserimento di Scavone, un calciatore che non non aveva realizzato tanti gol ultimamente ma che ha queste qualità. Il campionato è ostico, sembra che il Bari abbia qualcosa in più rispetto alle altre concorrenti come il Catanzaro l'Avellino, Ma è un campionato livellato e ogni domenica si può vincere o perdere con chiunque se non c'è al massimo della concentrazione o della forma fisica. I risultati mi sembrano confermarlo, basti pensare all'Avellino che perde contro il Monterosi, una squadra neopromossa ma che comunque gioca a calcio".

Ricci: "La spinta dei tifosi è stata importante"

Ha parlato in sala stampa anche l'assistman del gol partita, Giacomo Ricci, che ha servito il cross vincente per Scavone: "È stata una vittoria voluta. Loro non hanno fatto nulla di eccezionale ma faticavamo a uscire da dietro. Giocando a cinque dietro si chiudevano bene sugli esterni, nella ripresa ci hanno concesso più campo". E sull'apporto dagli spalti: "La spinta dei tifosi è stata importante, si sentiva e si vedeva che c'era molta più gente rispetto alla scorsa partita".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bari-Monopoli, le voci dallo stadio | Mignani: "Vittoria meritata che premia il lavoro della squadra"

BariToday è in caricamento