Calcio

Bari, Polito sul mercato: "Obiettivi centrati nonostante un mercato strano. Visite mediche per tre svincolati"

Il direttore sportivo dei biancorossi ha commentato la chiusura della finestra di calciomercato estiva con moderata soddisfazione e ha annunciato l'ingaggio dei tre svincolati Gigliotti, Di Gennaro e Pucino

Ciro Polito

Dopo la chiusura del calciomercato estivo, è arrivato il commento del direttore sportivo del Bari, Ciro Polito, che ha parlato attraverso i canali ufficiali della società: "È stato un mercato strano e molto difficile, lo è stato per tutti. Sono comunque soddisfatto perchè gli obiettivi che avevamo in mente siamo riusciti a centrarli e non posso che ringraziare la società e il presidente in primis per la grande disponibilità dimostrata. Alcuni calciatori, 20 giorni giorni fa, non avevo possibilità di prenderli, in quanto la rosa era numericamente importante ed era fondamentale fare prima delle uscite. Alcune operazioni sono saltate, come lo scambio Lollo - Eramo, ma rimango molto soddisfatto". 

"Quello che mi ha fatto enorme piacere è trovare, in un momento così particolare, tanta disponibilità da parte di calciatori come Terranova e Paponi - ha aggiunto il ds -. La stessa disponibilità che sto riscontrando in Gigliotti, Pucino e Di Gennaro, calciatori svincolati con cui abbiamo praticamente chiuso e per cui mancano solo le visite di idoneità.

Polito ha parlato anche delle motivazioni che hanno convinto alcuni calciatori ad accettare Bari: "Proprio Di Gennaro, giocatore talentoso e seguito da diversi club, non ha intavolato una trattativa economica. Ha scelto il Bari per il progetto, per venire a giocare per un obiettivo, accettare una sfida, per riportarla in B. Questo per me vuol dire dimostrare la volontà di scegliere un club, per gli stimoli che sa dare. Ci sono stati altri giocatori contattati che chiedevano contratti triennali, ma questo, seppur legittimo, è un modo di fare lontano dalla mia idea, si rischia l’appiattimento. Preferisco che, al raggiungimento degli obiettivi, ci siano poi i giusti premi".

Infine il direttore non ha nascosto il dispiacere per i calciatori rimasti fuori dal progetto che hanno rifiutato altre destinazioni: "Sono molto deluso da chi ha rifiutato proposte da altri club, spesso anche migliorative dello standard retributivo. Per me il calcio è amore, passione e invece poi capita che prevalgano altri fattori. Non ne capisco le ragioni. Sono dell’idea che nel calcio le opportunità vadano colte, al volo. Di certo nelle prossime valutazioni, a partire dalla scelta dei calciatori da inserire in lista, questi aspetti saranno tenuti in grande considerazione perché la priorità è scegliere chi intende davvero credere nel progetto Bari". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bari, Polito sul mercato: "Obiettivi centrati nonostante un mercato strano. Visite mediche per tre svincolati"

BariToday è in caricamento