Calcio

Bari-Turris, le voci dallo stadio | Mignani: "Sapevamo di poterla riprendere". D'Errico: "Reazione da grande squadra"

Le dichiarazioni dei protagonisti del match del San Nicola, vinto 4-2 dai galletti. Mignani: "Azzerare tutto da martedì e pensare alla prossima sfida". Salvatore: "Bari di un'altra categoria ma la Turris ha offerto una grande prestazione"

Ancora una vittoria per il Bari, al terzo successo di fila dopo aver battuto 4-2 la Turris in casa e aver consolidato la propria posizione in vetta alla classifica del Girone C di Serie C con 20 punti.

"È stata una partita difficile ma lo sapevamo, perché la squadra che abbiamo incontrato oggi è probabilmente una tra quelle che hanno più palleggio rispetto alle altre, che toglie punti di riferimento - il commento di Michele Mignani, tecnico del Bari, nel post partita del San Nicola -. Secondo me abbiamo fatto un buon primo tempo dove abbiamo costruito senza concretizzare, loro invece sono stati molto bravi a capitalizzare quasi tutto quello che hanno creato. Sapevamo che in quello erano bravi, dovevamo avere meno ansia di riconquistare la palla alta, una cosa che noi siamo abituati a fare, abbiamo concesso un paio di situazioni dove sono stati bravi a farci male. Poi la squadra ha iniziato con lo spirito giusto e ha avuto una gran reazione. Segnare un goal del genere all'inizio del secondo tempo con il centrocampista che arriva ad accompagnare l'azione significa che credevamo di poterla riprendere e poi abbiamo fatto bene. Dobbiamo crescere sotto certi aspetti, va migliorata la gestione della palla quando non possiamo puntare la porta avversaria, capire meglio queste situazioni ma i ragazzi sono stati bravi".

Sulle chiavi tattiche che hanno deciso la partita: "Quando prepariamo le partite cerchiamo di capire dove gli altri ci possono far male ma anche quali sono i loro punti deboli che possiamo sfruttare. Sapevamo che ci avrebbero concesso spazi e che avremmo dovuto sfruttarli al momento giusto. Dobbiamo essere bravi a capire quando c'è questa possibilità. Ho piacere che la gente apprezzi e che i ragazzi prendano coscienza di quello che stanno facendo ma domenica c'è un'altra partita difficilissima e dobbiamo azzerare tutto da martedì e buttarci anima e corpo verso il prossimo impegno".

Ancora una volta le intuizioni di Mignani con i cambi si sono rivelate vincenti, considerato che l'impatto di Marras ha cambiato la partita: "Non è merito dell'allenatore, è merito dei ragazzi che entrano e vogliono dare un contributo ai compagni. Lo spirito deve essere questo, poi c'è il dispiacere per quelli che non puoi fare entrare o far giocare dall'inizio ma avere una rosa del genere mette in condizione di fare delle scelte, penalizzare qualcuno a discapito di altri".

Su cosa ha detto hai suoi quando erano in svantaggio 1-2 durante l'intervallo: "Ho detto ai ragazzi di stare tranquilli che nel calcio succede di andare sotto e che la partita era aperta, di non regalare un secondo della ripresa per nervosismo o ansia di giocarsela".

Infine, sulle condizioni di Scavone, uscito per infortunio a un quarto d'ora dal termine: "Ha avuto un problema alla caviglia, io ho temuto fosse il ginocchio. Lo valuteremo nei prossimi giorni".

Salvatore: "Bari superiore ma la Turris ha offerto una grande prestazione"

Lorenzo Salvatori, vice dello squalificato Caneo, ha riconosciuto i meriti del Bari: "Su questa squadra non c’è molto da dire, possiede calciatori di categoria superiore. Lo dimostra come hanno segnato il 2-2, nonostante un rimpallo favorevole, il gol è stato fatto con una veemenza incredibile, con la voglia di pareggiare e poi vincerla".

Le parole di elogio del tecnico corallino non sono mancate anche per i suoi: "Siamo dispiaciuti per il risultato finale, ma sono convinto che oggi la Turris abbia fatto una grande prestazione. Escluso l'inizio del secondo tempo, siamo stati perfetti nel fraseggio e nelle conclusioni. Abbiamo sofferto, continuando a giocare anche nonostante l’inferiorità numerica. Questo mi fa dedurre che ci siano tutti i presupposti per continuare a fare bene. Questa prestazione va presa come un punto di partenza".

D'Errico: "Emozionante sentire il boato del San Nicola"

Si è fermato a parlare in zona mista anche Andrea D'Errico, autore del momentaneo 2-2: "Sono contento perché ho aiutato la squadra a pareggiare una partita che si era messa a favore dei nostri avversari - ha detto l'ex Monza. Sono molto felice e spero di farne tanti altri. È stato emozionante sentire il boato del San Nicola. Il calcio è divertimento, senza di quello diventerebbe pesante. Noi giochiamo divertendoci, siamo tutti i giocatori forti, sappiamo che la strada è lunga ma siamo un grande gruppo e l'abbiamo dimostrato oggi. Era una partita difficile contro una grande squadra che ha giocato bene e ci ha messo in difficoltà a tratti ma la reazione del secondo tempo è da grande squadra. Sul gol sono stato anche fortunato perché il rimbalzo del pallone mi ha aiutato, poi ho aspettato il momento giusto per calciare. Nel secondo tempo siamo partiti forte, il gol segnato dopo 14 secondi lo testimonia, poi galvanizzati abbiamo cercato di fare segnare ancora. Loro ci hanno concesso spazio e quando troviamo squadre che ci concedono spazio noi siamo veramente forti ad approfittarne".

Sulle parole usate da Mignani durante l'intervallo: "Il mister ci ha detto che la partita era lunga che potevamo ribaltarla, di dare tutto e che alla fine dei 50 minuti avremmo tirato le somme. Abbiamo giocato contro una seconda e abbiamo allungato ulteriormente, è vero che il Catanzaro ha vinto ma abbiamo sempre 6 punti di vantaggio. È molto presto, dobbiamo solo lavorare a testa bassa, la classifica la guarderemo da fine febbraio marzo"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bari-Turris, le voci dallo stadio | Mignani: "Sapevamo di poterla riprendere". D'Errico: "Reazione da grande squadra"

BariToday è in caricamento