rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Calcio

Polito: "Bari non pervenuto contro la Virtus ma non sono preoccupato. Sabato vedremo una reazione"

Il direttore sportivo dei biancorossi è intervenuto in conferenza stampa per fare il punto sulle condizioni psico-fisiche della squadra dopo il brutto tonfo di Francavilla e in vista del big match di sabato pomeriggio, in casa contro il Catanzaro

Non parla molto, lo fa specialmente nei momenti più critici e anche se il Bari ha perso una sola partita di campionato, il direttore Ciro Polito ha scelto proprio il post di una brutta sconfitta per presentarsi ai microfoni della stampa. Un'occasione per fare il punto sulle condizioni della squadra, capolista del Girone C, in vista del big match di sabato contro il Catanzaro su cui i biancorossi hanno 4 punti di vantaggio.

L'analisi del direttore è partita inevitabilmente dal brutto ko di Francavilla: "Non è stata una bella partita, per quanto mi riguarda il Bari non è pervenuto contro la Virtus. Può succedere, auguriamoci che sia successo ora e non capiti più. Abbiamo perso male, magari ci fa bene. Ora abbiamo una partita importante sabato, vediamo di recuperare furore agonistico".

Sulle ragioni della sconfitta con la Virtus: "Non penso sia stato un fattore di età. Avevo un brutto presentimento, non ero sereno. Durante la settimana si erano lamentati tanto, ho avvisato anche i miei che avremmo trovato una squadra aggressiva. Non siamo stati pronti. Non ci abbiamo neanche provato. Siamo stati irriconoscibili. Anziché uno schiaffetto abbiamo preso uno schiaffone in pieno volto ma magari è utile per tornare con i piedi per terra. Ci saranno difficoltà, le troveremo, è per questo che sono qui dopo una sconfitta ma posso garantire che questo è un episodio singolo. Sabato avremo una grande risposta. Non bisognava sbagliare l'approccio e abbiamo preso due gol, poi non si è giocato di più a calcio".

Durante la conferenza è stata sottolineata l'importanza del direttore: "Io sono sempre presente. Dopo una sconfitta è bello vedere un rappresentante della società, spero che la mia figura possa essere utile. Non lascerò spazio per rilassarsi. Non ci possiamo permettere di abbassare la guardia, le partite non si vincono col nome. Ci vuole furore, domenica abbiamo giocato col nome e abbiamo preso tre ceffoni. I ragazzi erano i primi a essere dispiaciuti, oggi è l'ultimo giorno in cui parleremo di quello che è successo con la Virtus. Una sconfitta non è mai preventivabile, quello che vedo è che contro il Bari tutti ci mettono qualcosa in più. Il paesino ha battuto la capolista, onore a loro. Non bisogna farne un caso, è una sconfitta, fa parte del gioco, non giochiamo da soli. Siamo a +4 sulla seconda, quella che la maggior parte degli addetti ai lavori attribuiva l'etichetta di favorita. Affronteremo questa partita col piglio giusto".

Sul Catanzaro, prossimo avversario sabato pomeriggio alle 14:30: "Secondo me è una delle migliori squadre del girone insieme ad altre. Stanno tenendo anche se i pronostici dicevano che avrebbero volato da subito".

Polito ha risposto anche a una riflessione sul centrocampo: "Di Gennaro è un calciatore da cui mi aspetto tanto, purtroppo si è fatto male alla prima occasione per una botta, ora ha bisogno di recuperare la condizione per giocare dal 1'. Scavone inizialmente era in uscita, dopo 2 giorni di ritiro gli proposi di rimanere e rinnovare, lui è stato intelligente a cogliere l'occasione, è stato al posto suo e ha dimostrato di cosa è capace. È il campo a parlare. Normale che quando mancano soluzioni si può arrivare stanchi".

A proposito di alcuni abitraggi che non hanno convinto: "Non mi piace parlare di arbitri e arbitraggi, ma ci sono dei dati oggettivi, ci sono stati 8-9 episodi contro di noi. Non parlo di Francavilla, lì abbiamo perso per colpa nostra, parlo delle partite in cui abbiamo vinto. Alcuni arbitri a Bari fanno i protagonisti, dimostrano di avere polso. Dispiace non poterci parlare, avere dei confronti. Non vogliamo nulla di regalato, solo quello che è nostro e il rispetto che ci meritiamo, non siamo i fessi di turno. Il Catanzaro ha avuto 5 rigori, tra cui uno fuori area. Non si parla affinché venga dato qualcosa, vogliamo solo il nostro".

Ancora sui motivi del black out di domenica: "Incosciamente ci può essere un piccolo rilassamento, non deve accadere, i risultati negativi possono arrivare, mi auguro sia un caso isolato. Auguriamoci di continuare come siamo andati fino a prima di Francavilla, ci sarà da soffrire. Faccio i complimenti ai tifosi per come hanno applaudito la squadra nonostante la sconfitta. Le critiche dei tifosi ci stanno, io guardo la squadra vedo come si allena. Sconfitta Catanzaro ha influito? Non credo, pensiamo una gara alla volta, sarebbe troppo semplice, inconsciamente magari ma non esiste. In questa squadra hanno giocato tutti, hanno partecipato tutti, non mi sento di dire che c'è un leader tecnico, è una squadra esperta, matura".

Infine, in chiusura, una battuta sull'infortunio di Di Cesare: "Risonanza ieri, c'è stato un controllo, la sensazione non è positiva. Potremmo perderlo per un po'".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polito: "Bari non pervenuto contro la Virtus ma non sono preoccupato. Sabato vedremo una reazione"

BariToday è in caricamento