rotate-mobile
Calcio

Colpo di scena in Serie C: rinviata la presentazione dei calendari. Ipotesi torneo a 61 squadre

Questo quanto deciso dalla Lega Pro a seguito della sospensione dell'esclusione dal torneo del Campobasso: il Consiglio di Stato, infatti, aveva accolto l'istanza della società. Resta viva l'ipotesi di un allargamento del torneo. L'udienza per ora è fissata al 25 agosto prossimo

Slitta a data da destinarsi la presentazione dei calendari di Serie C. A seguito infatti della sospensione dell'esclusione del Campobasso, da parte del Consiglio di Stato, la Lega Pro ha deciso di rinviare il sorteggio in programma inizialmente venerdì 5 agosto. L'udienza è fissata per il prossimo 25 agosto, ma la federazione auspica che possa essere rivista la data in modo da non poter posticipare la partenza del prossimo campionato, al via il 28 agosto: si fa strada l'ipotesi di una Serie C a 61 squadre, qualora il Campobasso riuscisse ad ottenere la permanenza nella categoria; anche il Teramo, altro club che non era stato ammesso, ha presentato ricorso al Consiglio di Stato.

Rinvio sorteggio calendario Serie C, il comunicato ufficiale della Lega Pro

Facendo seguito al decreto del Presidente della Sez. Quinta del Consiglio di Stato, Luciano Barra Caracciolo, che in data odierna ha previsto di “temporaneamente sospendere la mancata ammissione (“Licenza”) al Campionato della ricorrente (Campobasso Calcio), in vista della camera di consiglio del 25 agosto 2022, nella quale l’istanza cautelare potrà essere esaminata collegialmente, nel dovuto contraddittorio”, la Lega Pro si vede obbligata a prenderne atto e conseguentemente a rinviare a data da destinarsi la compilazione dei Calendari del Campionato Serie C 2022/2023.

I club di Lega Pro continuano a subire un danno rilevantissimo e pertanto si auspica che la questione possa essere definita prima della data del 25 agosto p.v.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo di scena in Serie C: rinviata la presentazione dei calendari. Ipotesi torneo a 61 squadre

BariToday è in caricamento