Martedì, 26 Ottobre 2021
Calcio

Mignani alla vigilia del derby Bari-Monopoli: "Partita importante, ci sarà da soffrire"

Il tecnico dei biancorossi ha parlato alla vigilia del derby contro i gabbiani in programma domenica pomeriggio alle 17:30

Il Bari primo in classifica nel Girone C di Serie C con 14 punti è atteso domani pomeriggio dall'importante derby con il Monopoli, squadra che insegue a un solo punto di distacco dai biancorossi.

La partita di cartello della settima giornata, in programma alle 17:30 al San Nicola, è stata introdotta in conferenza stampa dal tecnico dei galletti Michele Mignani, il quale è partito dal livello di consapevolezza e di autostima raggiunti dai suoi dopo gli ultimi risultati: "Spero siano cresciute molto. Sono segnali che diamo a noi stessi per credere nel lavoro che stiamo facendo, il risultato aiuta".

Di fronte ci sarà il Monopoli, avversario da prendere con le pinze: "Sarà una gara difficile, i numeri difficilmente mentono, il Monopoli sta facendo bene, ha una squadra compatta ha mantenuto l'ossatura dello scorso anno. Hanno qualità, velocità sugli esterni. Stanno facendo bene, sentono molto la partita, sono vicini di casa e come tutti quelli che vengono a Bari vorranno metterci in difficoltà. È la tappa di un percorso che è iniziato in un certo modo e a cui dobbiamo dare continuità".

Anche a Messina, pur vincendo, il Bari ha un po' faticato a chiudere la partita: "Non lo considero un problema, vorrei essere sempre in vantaggio e poi provare a chiuderla". In questo potrebbe aiutare anche qualche gol da parte dei centrocampisti di qualità come Maita e D'Errico hanno gol nelle gambe. Se Maita gioca più basso è più difficile che arrivi in zona gol. Chi segna è un pensiero secondario".

Sulle condizioni fisiche della squadra e le possibili scelte di formazione: "Stanno tutti bene abbiamo gestito le forze per arrivare bene alla terza partita. Formazione? I dubbi li ho fino all'ultimo momento, qualcuno dovrò lasciarlo fuori a malincuore. Stiamo provando a diventare una squadra forte passo dopo passo, in funzione del lavoro corale in fase di possesso e non possesso. Mi aspetto un'altra prestazione perché attraverso esse arrivano i risultati".

Ad alcuni la formazione biancorossa sembra giocare in maniera operaia: "Per me è un complimento, dobbiamo lavorare in undici in fase di non possesso. Credo sia un lavoro giusto e che sta pagando, dobbiamo continuare su questa linea. Vedo come si allenano i ragazzi, lo spirito del gruppo. I risultati aiutano a trovare compattezza".

Il Bari ha una buona opportunità, visto che il calendario gli presenta due partite di fila in casa: "Non guardo troppo in avanti. Il Monopoli non è una sorpresa, ha sempre fatto squadre interessanti. Non lo è neanche la Turris, di cui parlerò a tempo debito. Dalla fine della partita di Messina a oggi, il mio compito è mentalizzare la squadra a fare un risultato importante. La stampa guarda alla classifica e agli allunghi, io ragiono partita per partita. Domani è una partita importante, se devo osare, la definirei fondamentale per dare continuità ai risultati. La prendiamo con le molle, ci sarà da soffrire, speriamo di farlo undici contro undici".

Interrogato sui possibili rigoristi: "Dipende da chi gioca, ne abbiamo diversi in grado di farlo. Simeri calcia bene, D'Errico lo ha fatto in passato, anche Terranova".

Situazione Di Gennaro: "Non è felice ma guardiamo il bicchiere mezzo pieno, ci eravamo preoccupati potesse essere una cosa più seria, invece, è qualcosa di meno grave, ora si sta curando per rientrare il prima possibile, spero sia gestibile in meno di un mese".

Infine, sul nervosismo in campo: "Non sono preoccupato, conto di finire la partita in parità numerica. c'è un codice etico all'interno dello spogliatoio. Ognuno cerca di non mettere in difficoltà i compagni. Anche a Zidane è capitato di farsi espellere nella finale del mondiale. Bisogna stare attenti a non farle capitare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mignani alla vigilia del derby Bari-Monopoli: "Partita importante, ci sarà da soffrire"

BariToday è in caricamento