Sport

Castrovillari-Bari: la Prefettura di Cosenza vieta la trasferta ai tifosi biancorossi

La vendita dei tagliandi per assistere all'incontro infrasettimanale del Girone I di Serie D era stata sospesa nei giorni scorsi: ora è ufficiale il divieto ai residenti in Puglia

Lo spettro del divieto di trasferta per i tifosi del Bari è diventato nuovamente realtà: il Prefetto di Cosenza ha infatti disposto il divieto di vendita dei tagliandi ai residenti in Puglia per la gara dei biancorossi in programma domani pomeriggio sul campo del Castrovillari (decima giornata del Girone I di Serie D).

La partita è stata valutata come ad "alto profilo di rischio" dall'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive. Nelle scorse settimane i tifosi del Bari erano stati protagonisti di tafferugli prima con i tifosi del Messina, al momento di prendere il traghetto di ritorno dopo la partita col Marsala, e poi con le forze dell'ordine, dopo la gara con l'Acireale (per la quale era stata imposta una vendita di biglietti ridottissima, poi ampliata dopo il lavoro diplomatico condotto congiuntamente delle due società).

Nella determinazione della Prefettura si parla esplicitamente di "reiterate condotte violente tenute da frange dei tifosi baresi". Cornacchini e i suoi dovranno fare a meno del sostegno dei propri supporter. Un vero peccato per tutti quei tifosi che si recano allo stadio - affrontando anche sacrifici economici - con l'unico intento di sostenere la propria squadra e vivere una giornata di sport, ad ogni modo al persistere di episodi violenti, diventa davvero difficile contestare decisioni finalizzate a garantire sicurezza e ordine pubblico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castrovillari-Bari: la Prefettura di Cosenza vieta la trasferta ai tifosi biancorossi

BariToday è in caricamento